lunedì 16 aprile 2018

Scarpasciùdd' 17-18



STESSA MUSICA
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 13 Aprile '18, h 17
SFASCIACATàRRE     HàTTA SFIATàTE   3 - 1
arbitro Orazio Di Blasio

Marcatori: Tinaro,  Angiolillo, D'Addario (B), Gabriele (G)

Sfasciacatàrre (blu): Frangione, Di Stefano 47, Versace 38,  Tortoli 31, Serafini  61, Puddu 66, D'Alanno 50, D'Ermilio 61, Angiolillo 55, Pegna 54,  D'Addario 31, Tinaro 37( tot. 531, media 48,3)

Hàtta sfiatàte (gialli); Fanucci, Ronzitti 32, D'Adamo 63, Sebastiani 71, Gabriele 53, Rossi 53, Di Marco 61, Daniele 37, D'Angelo 42, Lanza 61, Sabatini 25, Piccinini 61 (tot. 557, media 50,6)

(dal ns.inviato Emanuele )  Ventiquattro orchestrali, si cambia qualche elemento 'musicista', ma il 'concerto' rimane identico a quello di 7 giorni fa, e i blu si riconfermano 'sfasciacatàrre' nei confronti dei gialli, che, suonati ancora una volta, assomigliano sempre piu' a  'gatte a corto d'ossigeno'. Dopo la prima frazione di gioco a reti inviolate, rompe l'equilibrio il blu Vincenzo Tinaro ( il fratellino poco famoso di Phil Collins dei Genesis ), 1-0; poco dopo una sua strepitosa parata, il 'mare' Frangione s'accappella e fa segnare il giallo Gianni Gabriele (l'omonimo meno noto di Piccinini) che pareggia 1-1; i blu nel finale colpiscono come di solito in contropiede con Luigi Angiolillo e Simone D'Addario, che bucano come burro la difesa gialla con gli unici 2 rimasti al loro posto (Ronzitti e Di Marco, gli altri espatriati in area blu, dove hanno piantato le tende- stavolta non facciamo nomi..); da segnalare due occasioni per il blu D'Alanno a tu per tu con Fanucci, sprecate fuori. Due giorni prima, invece, il presidente emerito Emanuele ha offerto una cenetta ai fedelissimi ('lo zoccolo duro', diciamo così ) presso 'Farina & co': una simpatica e spensierata serata, dove non ci siamo fatti mancare niente: i deprecabili sfottò agli juventini (Orazio e Serafini in testa, i 'cinesi'), le suole di Pegna (sempre in ritardo, in campo -sul pallone- e non,- negli appuntamenti-), l'inutile ricerca di qualcuno più forte di lui tra noi di Piccinini (detto ' er mèjio gatto der Colosseo'), le inusitate scorpacciate di carne dei due ex-vegani del gruppo (Frangione e D'Adamo, 2 autentici carnivori, 'a nnu' ni j'hànne fàtt' attuccà niènde') e tanto altro: grazie di esistere, Emanuele, firmato: Max, Vittorio, Paolo, Romeo, Vincenzo, Nino, Simone, Osvaldo, Alex, Pino, Luigi, Gianni, Giovanni, Pietro, Franco, Luigi, Lorenzo, Lino, Silvano, Orazio, Nicholas.  
 
Foto di gruppo del ciabbòtto di giovedì, coi due 'corazzièri' di guardia alla tavolata-Frangione e Frasca-(foto Moreno Rossi )
 
Classifica cannonieri: 34 gol: Angiolillo  18 gol: Tinari  16 gol: Gambuto,    14 gol: Sarra     12 gol: Sabatini    9 gol: D'Addario, Serafini A          8 gol: Piccinini     7 gol: D'Angelo        6 gol: Bozzelli, Di Giovanni, Tortoli        5 gol: Gabriele, Pegna F, Rossi, Stante    4 gol: D'Alanno  3 gol: D'Adamo, Lacaita, Lanza, Reale    2 gol: Danenza, Daniele, Fanucci, Nardella, Pegna G, Sebastiani, Tinaro, Versace    1 gol: Battista, Di Lena, Isoardi, Marrollo, Serafini S

mercoledì 11 aprile 2018

Proposta di legge


Da tempo non mi occupo di "Politica". Tutti ne parlano come fosse un argomento semplice ma, secondo me, non è così. 
.....

Il problema principale delle persone che ascolto (s)parlare di politica è il denaro. Lo spreco di denaro.
Tralascio tutto il complesso mondo inerente questo argomento e vengo subito al dunque. Non affronto nemmeno la mia solita tiritera sulla differenza tra Nicole Minetti, la massaia di Lucera, il politico analfabeta eccetera.

A sentire chi (s)parla di politica, pare che il danno principale per l'Italia sia causato dall'alto stipendio, dalle indennità di funzione e dai "vitalizi" dei parlamentari.

Eticamente parlando, con la miseria che si vede in giro e con la manifesta incapacità di chi ci "amministra", il lauti "profitti" di cui si parla non mostrano una bella immagine ma ...

....

Se aspettiamo una Legge che abolisca o riduca questo "problema", cari amici possiamo dormire sonni tranquilli, non si arriverà mai al risultato. Nessuno rinuncerebbe a questi "privilegi", se non a parole, scaricando sugli altri la causa della mancata soluzione. 

Eticamente parlando sono tutti contro questi  "privilegi" ma poi nei fatti si trova sempre un motivo ostativo per rinviare ogni decisione.
....

Non mi perdo in chiacchiere e vengo al sodo.

Pare che un parlamentare non possa rinunciare a quello che gli spetta perché la Legge prevede questi emolumenti e la Legge va rispettata.

Io allora, dal momento che nessuno, una volta occupato il posto di parlamentare, voterebbe contro i suoi "privilegi" se non sicuro di non ottenere la necessaria maggioranza per far approvare l'abolizione di questi, propongo a chi occupa gli scranni del potere legislativo di approvare una Legge di altro tipo.

Prima di candidarsi, l'aspirante parlamentare deve dichiarare se intende ridurre gli alti stipendi e se intende rinunciare alle indennità di funzione, ai vitalizi e ad ogni altro "privilegio", lasciando liberi gli eventuali colleghi di percepire quanto per Legge loro dovuto. 

Mi piacerebbe vedere chi sceglierebbe l'elettore tra chi rinuncia e chi non rinuncia.


P.S. Io sono per il mantenimento dei "privilegi". Sul perché di questa mia scelta ne parleremo in un'altra occasione.

Scarpasciùdd' 17-18



QUANDO I GATTI SCAPPANO...
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 7 Aprile '18, h 17
SARRACùNE     HèTTE  3 - 1
arbitro Orazio Di Blasio

Marcatori: 2 Daniele, 1 Angiolillo (B), Sabatini (G)

SARRACùNE (blu): Frangione, Di Stefano 47, Versace 38,  Tinaro 40, Serafini  61, Puddu 66, Daniele 40, Ruzzi 53, Nardella 54, Angiolillo 55,  D'Addario 31, Tortoli 31 (tot. 516 , media 46,9)

HèTTE (gialli): Fanucci, D'Ippolito 50, D'Adamo 63, Sebastiani 71, Gabriele 53, Rossi 53, Di Marco 61, D'Ermilio 61, Di Lena 29, Gambuto 52,  Lanza 61, Sabatini 25 (tot. 579, media 52,4)

(dal ns.inviato Emanuele) Stringatissime notizie dal presidente emerito, che, a memoria, sta conciato peggio di me (aggiungo, anche a conteggi: la media blu è superiore di 5 anni) 12vs.12, con 'illustri'  inserimenti amatoriali (Rossi, Ruzzi e D'Ippolito, in previsione dell'inizio di fine maggio del 20° Scarpascùdd', sono venuti a vedere '  'gnà jè lu' muanàije '..) in luogo di 'illustri assenze' (Piccinini, D'Alanno, Pegna, D'Angelo). Primo tempo sull' 1-1 (a segno prima Sabatini per i gialli su assist di D'Adamo,  Angiolillo poi pareggia per i blu); nel secondo tempo i gialli si sbilanciano in 2 occasioni, in particolare Rossi, Gabriele e Sebastiani (e parliamo di 'gatti di razza', soriani e persiani, mica cotica) si 'assentano' in difesa, lasciando 'ciccio formaggio' Fanucci solo in porta a 'commàttere' con i 'topi' gialli che, in contropiede, s'avventano famelici sull'incolpevole Max: 'abbàlla ' e va a segno due volte consecutive Daniele (new entry, cognome sconosciuto, amico di Vincenzo). I blu centrano l'8a vittoria consecutiva (quest'anno sono a quota 14 vittorie), mentre per ricordare l'ultima vittoria dei gialli bisogna tornare indietro al 3 febbraio.
 
Foto copertina per Vincenzo Tinaro, che 'garantisce' per l'amico Daniele, doppiettaro di giornata, di cui mancano foto di repertorio.
 
Classifica cannonieri: 33 gol: Angiolillo 18 gol: Tinari 16 gol: Gambuto, 14 gol: Sarra  12 gol: Sabatini 9 gol: Serafini A  8 gol: D'Addario, Piccinini  7 gol: D'Angelo  6 gol: Bozzelli, Di Giovanni, Tortoli  5 gol: Pegna F, Rossi, Stante  4 gol: D'Alanno, Gabriele  3 gol: D'Adamo, Lacaita, Lanza, Reale 2 gol: Danenza, Daniele, Fanucci, Nardella, Pegna G, Sebastiani, Versace 1 gol: Battista, Di Lena, Isoardi, Marrollo, Serafini S, Tinaro

martedì 10 aprile 2018

Meravigliosa


Da prima di Pasqua non pubblico più nulla. Ho toccato il minimo storico delle visualizzazioni su questo blog. Sto vivendo in un'altra epoca e in un'altra dimensione, non riesco a distrarmi. C'è qualcosa di esoterico che mi sta trattenendo. Migliaia di "vastaroli" dimenticati che riporto alla luce. Questa meravigliosa bambina per esempio, più attraente di Alice nel paese delle meraviglie ... 

(continua)

sabato 24 marzo 2018

Cominciamo a dare la buona Pasqua?

Buon fine settimana

Una settimana passata tra preparativi e maltempo. Cosa dire, niente da "dedicarvi". Questo blog comincia a non essere più interessante ... per me. Però ho sempre qualcosa per attrarre la vostra curiosità.

lunedì 19 marzo 2018

Scarpasciùdd' 17-18



ICARDI COME LELLO
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 17 Marzo '18, h 17
PUNTISTI   TACCHISTI  3 - 0
arbitro Orazio Di Blasio

Marcatori: D'Angelo, Angiolillo, D'Alanno (B)

 PUNTISTI (blu): Versace (35'coi gialli), Di Stefano 47, Tortoli 31, Di Marco 66, Serafini  61, Puddu 66, Tinaro 40, Reale 36 , Angiolillo 55, Pegna 54, D'Angelo 43 (tot. 499, media 49,9)

TACCHISTI (gialli); p.a.r (35' Versace), Ronzitti 32, D'Adamo 61, Sebastiani 71, Gabriele 53, Patriarchi 59 (fino al 35'), Battista 32, Sabatini 25, Gambuto 52,  Lanza 61, Piccinini 61, D'Alanno 51 (tot.507, media 50,7)

 Sotto una pioggerellina londinese, s'inizia a ritmi blandi questo 11 vs. 10 (poi in parità per il ritardo di 'sir 'Piccinini, impegnato come al solito a firmar autografi sui palloni dei suoi fan). I blu in vantaggio al 9', quando centralmente Reale con un tocco di fino taglia verso sx, dove Pietro Hulk D'Angelo, di prepotenza, sportella Gabriele (!) e libera il diagonale vincente, 1-0. I gialli rispondono con un diagonale lento da dx di D'Alanno terminato fuori di poco, ma i blu al 16' raddoppiano: Pegna lancia, stavolta sulla sx, Luigi Angiolillo che punta Ronzitti, lo semina e batte con una rasoiata il par Sebastiani, 2-0; al 20', bello spunto del giallo Sabatini su assist di Lanza, tiro minaccioso smanacciato in corner da Valerio; 25', il blu Di Stefano avanza sulla dx, il suo tiro cross s'abbassa minaccioso, il par Patriarchi col pugno devia in extremis sulla traversa , ma poi, al 35', in uscita su D'Angelo, si stira ed esce per infortunio (mannaggia al 17, 's'à sguastàte lu' tuelèfene, minimo 30gg di stop, sigh!): l'unico portiere Versace cambia casacca e va coi gialli; dopo altre 2 occasioni per i blu, la ripresa incomincia con altri cambiamenti: il blu Di Stefano esce per turno di lavoro, e D'Alanno si cambia la maglia; i gialli provano a ribaltare il risultato con incursioni di Sabatini e Gambuto, ma il 'puntista' Serafini( noto ai più anche per le sue mitiche 'puntine') mette la museruola ad entrambi; nell'altro versante si confermano le congiunture astrali sfavorevoli per Battista e Gabriele, quest'ultimo autore di qualche svarione clamoroso (Emanuele docet). E mentre il rappresentante sindacale dei gialli Piccinini reclama invano sugli anni dei singoli, protestando sulla potenza atletica a parità di anni dei singoli (a breve, indicheremo il personale di ognuno sui 100m. piani e i loro tempi nel test di Cooper..), Lello D'Alanno (come Hulk), quando cambia casacca, si trasforma in mr.Hide: e da 'tacchista', dopo aver notato la presenza di Icardi in tribuna, da' ripetizioni ai 'puntisti' su tema: 'evoluzioni performanti della tacchetta'; l'interista rimane impressionato e, al Ferraris di Genova, prende spunto segnando di tacco. E per finire, poi, D'Alanno rigira il coltello nella piaga gialla, segna il terzo gol dei blu, per i finale 3-0.

Foto copertina per il tacchista Lello D'Alanno
 
Classifica cannonieri: 28 gol: Angiolillo  18 gol: Tinari  16 gol: Gambuto  14 gol: Sarra   9 gol: Serafini A 8 gol: D'Addario   8 gol: Sabatini, Piccinini  7 gol: D'Angelo  6 gol: Di Giovanni, Tortoli  5 gol: Bozzelli, Pegna F, Rossi, Stante    4 gol: D'Alanno, Gabriele  3 gol: Lacaita, Lanza, Reale   2 gol: D'Adamo, Danenza, Fanucci, Nardella, Pegna G, Sebastiani, Versace 1 gol: Battista, Di Lena, Isoardi, Marrollo, Serafini S, Tinaro

sabato 17 marzo 2018

Interpretazioni


Sono passati 40 anni dal rapimento di Aldo Moro sicuramente un uno degli accadimenti che più ha inciso nella mia vita. Sicuramente la società e il pensiero collettivo cambiarono dopo quei fatti. E io che "cominciavo" a guardarmi intorno capii che tutto quello che mi era stato "ispirato" dal passato non sarebbe stato valido. Bisognava guardare altrove.
Cominciai a guardare me, cambiavo continuamente e non mi piacevo. Addirittura quando non mi piacevo per nulla, proprio per nulla o mi facevo proprio schifo, mi fotografavo. Praticamente il contrario di quanto si fa al giorno d'oggi. Io volevo ricordarmi dei momenti in cui "non ero a mio agio" per confrontarli con quelli che avrei vissuto successivamente.


Ho ritrovato queste foto di 40 anni addietro e mi sono tornate in mente tante situazioni. Come un attore, in ogni foto recito in un film. Interpretando ruoli diversi. Non sono mai apparso come sono veramente.


Poi .... (continua)



venerdì 16 marzo 2018

Cordiali saluti

Quando su questo blog dedicavo parte del mio tempo a parlare della "decadenza" e della "gloria" della nostra città, proponendo idee, facendo segnalazioni, esponendo pareri e sollevando critiche in tanti "ridevano" della cosa. Altri, specialmente gli amministratori locali, mi criticavano. Da qualche tempo invece, oltre che a "seguire" qualche lavoretto per sopravvivere fino alla (lontana) pensione e a "seguire", senza intervenire, gli "accadimenti" di questo "stagno delle velleità" in cui viviamo, continuo a "godere delle mie antiche lastre fotografiche.
Quando ci sarà tempo e ne avrò voglia riprenderò a trattare di quegli argomenti che ancora possono influenzare il "futuro" di questa che non oso più chiamare Città. 

Lo sguardo fiero della donna che sono riuscito a salvare tra le tante fotografie rovinate, per me, vale molto più dei sogghigni e dei lazzi di tanti di voi. Il sorriso della bambina di destra appaia quale augurio per il futuro. L'espressione della bambina di sinistra invece vi sproni a uscire dalla melma lagnosa nella quale siete finiti e in cui vi sentite "impotenti" e incapaci di liberarvi.

Cordiali saluti ... agli amici.

martedì 13 marzo 2018

Scarpasciùdd' 17-18



LA STICCHIA E IL TERZO PALO
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 10 Marzo '18, h 17  
OTTOSTELLE    TREQQUARTIENAGAZZòSA  8 - 3
arbitro Lino Frasca 

Marcatori: 3 D'Angelo, 2 D'Addario, Angiolillo, 1 Pegna (B), Sabatini, Piccinini, Isoardi (G)

OTTOSTELLE ( blu ): Frangione, D'Ermilio J 22, Tinaro 40, D'Ermilio P 61, Serafini  61, Puddu 66, Di Marco 66, D'Addario 31, Angiolillo 55, Pegna 54, D'Angelo 43 (tot.499, media 49,9)

3/4ENAGAZZòSA ( gialli ): Fanucci, Ronzitti 32, Gabriele 53, Sebastiani 71, Danenza 47, Patriarchi 59, Isoardi 26, Battista 32, Sabatini 25,  Lanza 61, Piccinini 61 (tot.477, media 47,7)
  
'Na frèga' d'anni fa esisteva una marca di birra con  i tappi a corona a fondo dorato con una stella rossa, e da 'quatràre' m'appostavo davanti a 'Cicchepallètte 1' (quello di p.zza Diomede, vicino al 'muretto') perchè erano i miei preferiti e fortunati per giocarci alla 'stìcchia': beh, a distanza di 50 anni e passa, oggi i blu ci hanno ri-giocato (e scelto le 'stelle'), e hanno fatto 'lo stìcchio' ai gialli. Si comincia  al 9', quando sconvolgendo le regole, i gialli passano: Battista sulla sx smista in area per Lucianino Sabatini che, di controbalzo, infila a fil di palo sx l'1-0: Frangione, sorpreso, aveva calcolato male, perchè per terra aveva 'arato' le linee dei pali tenendo conto del 3° palo (per autodefinizione, il fido Alfredo, che s'apposta sempre affianco ai pali per 'appicciargli' la Marlboro); ma al minuto 11', da dx arriva un traversone teso a mezz'altezza del blu D'Addario, su cui s'avventa come un vavòso quel marxista-razzista-piduista-fuoriclasse-passatellista-rossonero ('avàste, Silva'?) di Patriarchi, che nell'intento precedere Angiolillo, tocca in scivolata con la punta del piede, infilandola in rete nel più classico degli autogol, 1-1; nel mentre, pensavo a quante altre cose non sono mai stato nella vita...si accetta tutto. L'episodio purtroppo ne presagiva ben altri, descrivendo alla fine una giornata nera per la difesa gialla; dopo una saiocca di sx terminata alta di Piccinini, i blu mettono in marcatura a uomo un ventiduenne, D'Ermilio, su Sabatini (oggi unico ariete davanti) e cominciano a sticchiare: 17', Pegna lancia in nettissimo fuorigioco Pietro Hulk D'Angelo, che segna un contestato 2-1; 21', D'Angelo sfugge a Gabriele e crossa quasi dalla bandierina, la palla, lunga, attraversa lo specchio della porta ed è ripresa alla disperata da Angiolillo, che la appoggia rasoterra al centro per l'irruente Simone D'Addario, piatto di precisione, 3-1; al 42' il blu Angiolillo azzecca con una 'sciosciolètta' un taglio per Simone D'Addario, che semina Danenza e infila Fanucci, 4-1: Piccinini se la prende col portiere Massimo (che gentilmente viene per evitarci di fare portiere a rotazione, in un ruolo non certo suo), ma il maresciallo ammonisce severamente Gianni con un ' Uè, n'n mi fa 'ngazzà Fanucci!', temendo giustamente per una revoca delle chiavi del 'Haircrub Cove', nostra sede 'sociale'. Nella ripresa, la musica non cambia: il giallo Sabatini si danna per stanare e sfondare l'arcigna difesa blu senza riuscirci, e i blu sfruttano i veloci contropiedi e la giornata storta di Ronzitti e Fanucci per arrotondare: D'Addario traguarda sul filo del offside Pietro Hulk D'Angelo (in giallo una pippavolante, in blu ridiventa Hulk), che sulla sx aggira con una veronica (!) Ronzitti e segna la sua clamorosa tripletta, 5-1; al 60', show di Franco Pegna che, lanciato da Tinaro sulla sx, propende nello slancio e quando arriva quasi sul fondo tira di dx, sulla palla bassa Fanucci gli da la soddisfazione del gol mettendoci il pugno, ma la infila dentro, 6-1; l'avvocato tranquillizza i suoi, e guida la reazione: al 67', penetra da dx e dal limite appoggia al giallo David Isoardi, che stoppa di sx e calcia potente di dx sorpendendo Frangione a fil di palo dx, euro gol del 6-2; al 75' prorompe sulla sx il giallo Danenza, che crossa al centro, dove Gianni Piccinini, in 'tentata-girata',  segna col piede d'appoggio, emulando Son del Tottenham a Wembley 3 giorni fa, 6-3. Altre 2 occasioni per Sabatini e Gabriele per i gialli terminate fuori, e, all'80' i blu rimangono in 10 quando il maresciallo, in uscita su corner, frana sullo spezzello di D'Ermilio Jr, mettendolo knock out. Negli ultimi 5', si esalta sulla fascia sx( oggi fonte di guai per i gialli)  il blu Luigi Angiolillo, segnando il 7-3 con un destro basso parabilissimo( Fanucci si scusa perchè non l'ha vista proprio partire ), e poi al 90' , quando chiude la 'stìcchia' ubriacando Ronzitti e segna il gol del finale 8-3.      
 
Foto copertina del 'nipòtto' goleador David Isoardi
 
Classifica cannonieri: 27 gol: Angiolillo  18 gol: Tinari  16 gol: Gambuto,    14 gol: Sarra   9 gol: Serafini A 8 gol: D'Addario   8 gol: Sabatini, Piccinini     6 gol: D'Angelo, Di Giovanni, Tortoli  5 gol: Bozzelli, Pegna F, Rossi, Stante    4 gol: Gabriele      3 gol: D'Alanno, Lacaita, Lanza, Reale    2 gol: D'Adamo, Danenza, Fanucci, Nardella, Pegna G, Sebastiani, Versace        1 gol: Battista, Di Lena, Isoardi, Marrollo, Serafini S, Tinaro

venerdì 9 marzo 2018

Un filo di sorriso

Anche nel nero più nero manterrò sempre un filo di sorriso. Qualcosa di bello nella vita, sia nel passato che nel futuro si troverà sempre.
Magari nel presente mi annoio un po' , tuttavia ... aspetto.

lunedì 5 marzo 2018

Dedicato a ....


Cosa volete che vi dica, l'Italia continua a cambiare e sicuramente non è più quella di una volta. Anche gli italiani non sono più quelli di una volta. Qualcuno dirà: "per fortuna" qualcun altro invece preso dalla "nostalgia" ... Certo è che noi continuiamo a lamentarci. Io continuo a non capire perché.

Scarpasciùdd' 17-18



RIS-oTTO AMARO
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 3 Marzo '18, h 18
MONDINI    CRUMIRI  1 - 0
arbitro-giocatore Lorenzo Danenza (2°t)

Marcatore: Lacaita (B)

MONDINI (blu): Tortoli 31, Serafini S 61, Puddu 66, Di Marco 66 (2°t giallo), Tinaro 40, Lacaita 46, Danenza 47, Pegna (fino al 45') 54, D'Adamo 62 (tot., media)

CRUMIRI (gialli): Ronzitti 32, Gabriele 53, Sebastiani 71, Patriarchi 59, Fanucci (fino al 60') 34, Battista 32, Lanza 61, D'Angelo 43, (tot. media)

Spesso si usa dire “...da chill'àcca fùrte...” quando ci si rivede dopo tanto tempo: nel nostro caso, oggi, l'adagio l'abbiamo interpretato 'alla lettera', ed un improvviso temporale nella mezzora precedente le 17 ha fatto collassare il Crowned Stadium, che fin da prima aveva miracolosamente drenato alla grande la 'nengàta' buriana di lunedì scorso. ' Dàtsi che ' il meteo avverso scoraggia i pavidi ma non doma gli impavidi, mentre  arrivavano al campo con i borsoni, i giocatori si sono divisi subito in due fazioni: i possibilisti (io, Osvaldo, Amerigo..), che tifavano per giocare (la neve l'ha ' sèmbre ' fatto..), e i disfattisti (Silvano, Franco, Mino..) che come si suol dire 'jì tiràve li' còsse', nel senso che gufavano sul raggiungimento del numero legale dopo aver a lungo disquisito sui propri malanni e sul campo ridotto ad una risaia; nel frattempo, mentre si decideva (e mano a mano arrivavano i ritardatari), l'oretta trascorsa a discutere giocava a favore del campo che,  metaforicamente, si 'assucàva'; ormai s'era arrivati a 17 e (alle 18 ) , convinti i riottosi, abbiamo cominciato a raccogliere il riso, anche perchè il terreno di gioco, più simile alla pianura vercellese, era proprio 'da ridere': s'è dato vita ad un 8 vs.9 e, con un po' d'immaginazione, il film che immortalava le mondine padane 'Riso Amaro' diventa ' Ris'otto amaro'. A tutto campo, con le porticine dentro le porte regolari, una sana sudata comunque ci ha fatto divertire; e il risultato (gol decisivo del blu Mino Lacaita nel 1°t) non ha proprio contato, anche perchè la partita è stata equilibrata e divertente (per par condicio, il giallo Hulk ha preso un palo). Da notare la sbucciatura del ginocchio di Pegna (costretto (?) poi al ritiro al 45') su innocente mia 'cianghettàta', e il 2°tempo durato 50 minuti( a compenso del primo durato appena 33'). Negli spogliatoi, discutendo con Paolo sulle sue intenzioni di voto di domenica, Amerigo (in accappatoio ) se n'è uscito con un sibillino 'dapù ti li fàcce avvidè!': revival della ' Diga Priapea' ?
      
Foto copertina di repertorio del set cinematografico
 
Classifica cannonieri: 25 gol: Angiolillo  18 gol: Tinari  16 gol: Gambuto,    14 gol: Sarra   9 gol: Serafini A   7 gol: Sabatini, Piccinini     6 gol: D'Addario, Di Giovanni, Tortoli  5 gol: Bozzelli, Rossi, Stante    4 gol: Gabriele, Pegna F      3 gol: D'Alanno, D'Angelo, Lacaita, Lanza, Reale    2 gol: D'Adamo, Danenza, Fanucci, Nardella, Pegna G, Sebastiani, Versace        1 gol: Battista, Di Lena, Marrollo, Serafini S, Tinaro

venerdì 2 marzo 2018

Elezioni


Coloro che si aspettavano miei commenti sulle imminenti elezioni, saranno rimasti delusi. In questi giorni vi sarete accorti che ho preferito mostrare qualche immagine tratta dalla mia sterminata collezione di foto antiche. Vi assicuro che ho avuto più contatti io che qualsiasi persona o pagina che si occupava di politica.
Però, per non lasciare a bocca completamente asciutta alcuni "amici" (fore a la faccia nostre!) che ho visto zompettare tra un partito e l'altro, giunti all'ultimo giorno utile, pubblico una immagine tratta dal Web. 
Non ho voluto nemmeno perdere tempo, come di consuetudine, a pensare qualcosa di mio.
Ci risentiamo tra un anno e mezzo, data delle prossime elezioni.

martedì 27 febbraio 2018

Vasto, Città di bellissime donne


Trovare tra le antiche negative immagini di donne di rara bellezza come queste mi riempie di gioia. Mi pongo tante domande. Non solo chi fossero queste splendide signore (e come si diceva una volta signorine) ma anche come passavano il tempo in una città di 15.000 abitanti dove però non c'erano ancora Radio, Televisione o Internet. Penso che, a parte la Chiesa, ogni luogo di "intrattenimento" fosse un luogo sconveniente per una donna.


E così, mentre voi siete intenti a "scivolare" sul ghiaccio, io mi godo lo sguardo di queste "antiche" concittadine vastarole.





lunedì 26 febbraio 2018

Scarpasciùdd' 17-18



GHINELLO DI TACCO E PIETRO CENdOPALLONI
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 24 febbraio '18, h 17
MARRANI    INFINGARDI  5 - 3
arbitri giocatori D'Alanno (1°t), Danenza (2°t)

Marcatori: 2 Angiolillo, D'Addario, 1 Di Lena (B), D'Adamo, Sebastiani, Piccinini (G)

MARRANI (blu): Versace, Stante 49, Tortoli 31, D'Ermilio 61, Serafini S 61, Puddu 66, Di Lena 29, D'Addario 31, Angiolillo 56, Pegna 54, D'Alanno 51 (tot.489, media 48,9)

INFINGARDI (gialli): p.a.r., Isoardi 26, Gabriele 53, Sebastiani 71, Patriarchi 59, Lacaita 46, Danenza 47, Lanza 61, D'Adamo 62, Sabatini 25, Piccinini 61, D'Angelo 43, Di Carmine 64 (tot.618, media 51,5)
  
Duello di fioretto e spada di stampo medievale, oggi: 11vs12 (aleggiava l'annullamento dell'incontro per 'eccessivo impurnicimento' dovuto alle previsioni meteo, poi alla fine 'n' sème accucchiàte 23'), e i guelfi blu come sempre sguainano per primi le spade: Stante discende sulla sx e indirizza rasoterra al centro, dove il lesto-fante (nel senso di soldato svelto..) Simone D'Addario sfrutta un rimpallo su intervento corto di Patriarchi e mette dentro, 1-0; dopo 5' è invece Luigi Angiolillo che approfitta anche lui di un intervento difensivo di D'Adamo, la cui palla respinta è stoppata dalla 'lota' (con un po' d'immaginazione, effetto simil erbetta..), ed è già 2-0, e siamo al 15';  i gialli bevono la pozione magica e al 17' un fendente del ghibellino Piccinini, su assist di Gabriele, scheggia la (1a) traversa; al 23' è invece  Sabatini che di dx fa rintoccare a morto il (2°) palo sx; lo stesso Sabatini, al 29' serve a sx per il solitario D'Angelo, che si mangia uno dei tanti palloni capitati tra i suoi speroni, tanto da meritarsi il titolo di 'centopalloni' (come il mitico Nicolino cenDopanini..). 34', Sabatini slalomeggia brandendo minaccioso l'Excalibur, molla il fendente verso il 7, ma superValerio con una scudisciata glielo para deviando in corner; il blu D'ermilio imposta un  veloce contropiede sulla dx,  al 42',  e i blu colgono la traversa con il debuttante Di Lena, e allo scadere, 'CenDopalloni' si mangia un altro gol, come Poldo (l'amico 'magniuttòne' di Popeye). Nella ripresa, D'Adamo si sposta al suo ruolo più consono, il centroattacco, e al 52' aggancia al centro un cross da sx un po' lungo di Sabatini e con tocco di dx in semiacrobazia la indirizza sotto l'incrocio opposto, eurogol del 2-1; i gialli insistono, e al 58', su mischia furibonda in area piccola blu spunta il piattone ravvicinato di Osvaldo Sebastiani che sbatte sulla (3a) traversa interna e va dentro, 2-2. I legni diventano una ossessione per i gialli quando, al termine di un'azione d'attacco, Lanza fa vibrare la (4a) traversa:  ma poi al 70', Pietro 'cenDopallòni' D'Angelo, dopo essersi sbranato l'ennesimo pallone 'farcito', sparandolo alto, 'sdijùne' (digerisce) finalmente, e sfrutta una genialata di Gabriele sulla sx, con la sua tipica corsa 'caracollante' colpisce di dx ed infila in rete il 2-3. Come spesso accade, però, i gialli si 'ricìciliano' troppo, e nel finale cedono: dopo  una cannonata di Di Lena parata a pugni incrociati (come X Factor) dal p.a.r. Di Carmine, all'80' il blu Simone D'Addario dal limite colpisce:  la palla,' sporcata' da Angiolillo, inganna Emidio (che pure c'era quasi arrivato) ed entra, 3-3. All'83 Pegna lancia Giovanni Di Lena, che s'insinua in un corridoio libero e trafigge la rete gialla con un preciso collopieno, 4-3; e al 88' è invece Luigi Angiolillo che, su contropiede innescato da Stante, si catapulta in area e sigla il 5-3; allo scadere, mette la firma il blu  D'Alanno (l'unico calciatore che consuma le scarpette sul  tacco e non sulla punta), che di tacco sfiora 'sarcasticamente' il palo sx: appunto, ghin-ello di Tacco.
     
Foto copertina per Simone D'Addario, oggi 'doppiettista'
 
Classifica cannonieri: 25 gol: Angiolillo  18 gol: Tinari  16 gol: Gambuto  14 gol: Sarra   9 gol: Serafini A   7 gol: Sabatini, Piccinini     6 gol: D'Addario, Di Giovanni, Tortoli  5 gol: Bozzelli, Rossi, Stante  4 gol: Gabriele, Pegna F  3 gol: D'Alanno, D'Angelo, Lanza, Reale  2 gol: D'Adamo, Danenza, Fanucci, Lacaita, Nardella, Pegna G, Sebastiani, Versace  1 gol: Battista, Di Lena, Marrollo, Serafini S, Tinaro

venerdì 23 febbraio 2018

Le Pupucce vastarole


Il mio amico Gianni dice che io spreco le mie "risorse" condividendo sul web i miei "gioielli" ed ha ragione. Molti di voi non meritano il piacere di gustare quanto vi offro. Tuttavia, quando trovo fotografie come queste, io non resisto. 

La dolcezza di queste due bambine della Vasto primo '900 merita di essere mostrata. 

Io aspetto sempre che qualcuno finanzi una pubblicazione con immagini come questa ma sto velocemente perdendo la speranza.

lunedì 19 febbraio 2018

Scarpasciùdd' 17-18


MATTANZA DI TONNI
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 17 febbraio '18, h 17
SPADARE      PINNA GIALLA  7 - 4
arbitro Lino Frasca

Marcatori: 5 Bozzelli, 1 Angiolillo, Pegna (B), 2 Gambuto, Battista, Piccinini (G)

SPADARE (blu): Puddu, Di Stefano 55, Tortoli 31, Danenza 47, D'Adamo 61, Serafini S 61, Bozzelli 32, D'Ermilio 61, Angiolillo 56 (fino al 80'), Pegna 54, Stante 49, (+ 2°t Sebastiani)

PINNA GIALLA (gialli): Versace, Ronzitti 32, Di Marco 66, Sebastiani 71(2°t coi gialli), Patriarchi 59, Gabriele 53, Reale 34, Lanza 61, Gambuto 52, Battista 31, Piccinini 61, D'Angelo 43

Altro che tonno Nostromo o  As do Mar: oggi le spadare hanno intrappolato sette tonni , macellandoli senza pietà. S'incomincia con 2 portieri semiufficiosi (giocatori infortunati, pensate che se non era per quel maledetto asso di denari, arrivava pure il terzo, Frangione: troppa 'gràsce'). I blu cinici capitalizzano le uniche 3 occasioni del 1° tempo avute in attacco: al 9' il portiere giallo Versace in uscita di piede sbucia palla, Nick Bozzelli deposita in rete, 1-0; 14',  con un triangolo stretto veloce con Bozzelli, Luigi Angiolillo s'apre un'autostrada verso la porta gialla e segna il 2-0; 19', dopo un destraccio del giallo Battista terminato a lato, sulla stessa rimessa in gioco, da dx Di Stefano lancia alto verso il centro, la palla deviata inganna il tonno Patriarchi che salta fuori tempo, alle sue spalle Nick Bozzelli ringrazia, corre in area e batte Versace, 3-0; eppure nella prima frazione di gioco s'è giocato ad una porta sola, ma vuoi (come dice Gianni) ' lu' tìcch' e ttìcch'(tiki-taka) che onestamente non è esattamente come quello del Barcellona, vuoi anche l'efficacia dell'invalicabile difesa-rete a 5 dei blu Di Stefano-D'Adamo-Serafini-Danenza-Tortoli, e anche un po' di sfortuna, insomma 'la pàlle n'à vulùte 'ndra': al 21', su assist da dx di Lanza, Piccinini coglie la base del palo interno sx, palla poi deviata fuori ; al 38', un bolide dal limite di Battista scheggia la traversa (traversa piena,1 bottiglia, in questo caso, un bicchiere di birra con molta schiuma..). Nella ripresa, Sebastiani (l'uomo in più dei gialli) cambia casacca; al 49' il giallo Di Marco s'incarta a centrocampo e passa lungo al centro, dove il blu Nick Bozzelli è lesto ad arpionare e trafiggere il suo terzo tonno, 4-0. I 'tonni' gialli al 55' provano a reagire alle urla forsennate dei  capitonnara ' Raìs'  ': Piccinini fugge sulla fascia sx, rimette al centro per Nino Gambuto, stop e tiro  di mezzocollo dx da manuale, palla a fil di palo sx, 4-1; al 59' è Reale che taglia lungo in area sulla sx per Nino Gambuto, che ferma palla quasi sulla linea di fondo e d'interno dx morbido mira il 2° palo, infilando la porta blu con un eurogol, 4-2; al 63' i blu si portano avanti con D'Ermilio, che indovina uno spiraglio giusto per lanciare Nick Bozzelli, che surclassa Patriarchi e infila il 5-2; lo stesso Nick Bozzelli, sfruttando la sua velocità e gli ampi spazi creati dai difensori gialli tutti avanti all'arrembaggio, dopo 5' sfrutta un rilancio lungo di D'Adamo e, complice una tardiva uscita di Valerio, sigla il 6-2. Al 70' , capolavoro del giallo Fabiano 'Colucci' Battista: evita in dribbling 2 avversari e molla un siluro teso da 18 metri che fulmina Puddu sotto la traversa, 6-3 (è il suo 1° gol stagionale); al 82' su lancio di Danenza, c'è spazio per una rara galoppata del Raìs blu Franco Pegna, che sovrasta  'di possenza'  Patriarchi in area (figuratevi se potevo sbilanciare 100 e passa chili in velocità, è reato: non voglio manco immaginare se 'cascàve 'ndèrre'...) e buca le mani di Valerio con un potente dx, 7-3: Franco festeggia e raccomanda ai suoi: ' Mo' bàst' 'ca n'n zègne Ggiànne ! ': stavolta i suoi compagni di mattanza non esegue l'ordine, e al 90', disperato, immerso nel campo ormai intriso di sangue, sguscia il 'Rio Mare'( mica un tonno qualsiasi..) Gianni Piccinini, che trova un varco nella rete spadara, s'insinua in area, e beffa  Emanuele con un bel tocco da sotto, per il finale 7-4.   
  
Foto copertina per il civitanovese Nicola Bozzelli, della 'Marca Sporca' oggi autore di una storica cinquina
 
Classifica cannonieri: 23 gol: Angiolillo  18 gol: Tinari  16 gol: Gambuto,    14 gol: Sarra   9 gol: Serafini A   7 gol: Sabatini, Piccinini  6 gol: Di Giovanni, Tortoli  5 gol: Bozzelli, Rossi,Stante 4 gol: D'Addario, Gabriele, Pegna F  3 gol: D'Alanno, Lanza, Reale    2 gol: Danenza, D'Angelo, Fanucci, Lacaita, Nardella, Pegna G, Versace 1gol: Battista, D'Adamo, Marrollo, Sebastiani, Serafini S, Tinaro

Nicole Minetti


Ma vi rendete conto chi si candida a "dirigere" l'Italia? E voi parlavate male di Nicole Minetti? Ora l'avete dimenticata?

Lei è stata solo l'esempio un esempio. Un esempio che è stato seguito da tutti, da partiti e movimenti di ogni colore, oserei dire, di ogni sfumatura. 
Almeno lei poteva "mostrare qualcosa di buono". I candidati di queste prossime elezioni che qualità hanno? Cosa sanno fare?

Così come quando assieme a Tiziano Longhi fondammo (provocatoriamente) il Club Amici di Nicole Minetti, commentate il mio pensiero. Alzate la mano e indicatemi una persona "capace", specialmente delle "nostre parti", almeno di essere meglio di Nicole Minetti. La voterò con "fiducia".

martedì 13 febbraio 2018