venerdì 26 maggio 2017

Le "proprietà" del Comune


Ecco come il cittadino tratta quello che il "Comune" mette a sua disposizione e poi il cittadino si lamenta anche. Il "Comune" invece di richiamare o multare il cittadino che si comporta in questa maniera, se ne frega, tanto ....
Questi pannelli espositivi sono gli unici che possono chiamarsi tali a disposizione "comune". Sono costati diversi soldini e ora forse è arrivata la loro definitiva fine, visto che sono usati all'esterno come cartelli indicatori e poi lasciati marcire sotto l'acqua.

Fate vobis come si dice in latino "sgrammaticato".


giovedì 25 maggio 2017

Dio buono Dio cattivo



Al catechismo ci hanno insegnato che Dio ci ha creati a sua immagine e somiglianza e forse per questo noi gli attribuiamo i nostri stessi "aggettivi". Tra questi "aggettivi" quelli di buono e di cattivo. 

Ora mi chiedo chi è il Dio buono e chi è il Dio cattivo. Il Dio cattivo è quello che ha permesso l'attentato a Manchester che ha tolto la vita a inermi ragazzini, si presume per la maggior parte cristiani, mentre il Dio buono è invece quello che si è vendicato lasciando affogare nel mare della Libia altri inermi ragazzini, si presume per la maggior parte musulmani? Oppure il contrario? 

Noi umani siamo divisi in "comunità" e frequentemente le "comunità" non la pensano alla stessa maniera. Accade spesso che per una "comunità" è buono quello che per un'altra "comunità" è cattivo. 
Tanto per fare un esempio: i contadini che aspettano la pioggia vedono questa come una "benedizione" mentre i cittadini che non sentono questa necessità la vedono come una "maledizione". Capita anche che queste "comunità" invertano le preferenze a seconda del bisogno.
Riguardo a Dio sono intere "comunità" di popoli  a ragionare in maniera contrastante tenendo "fede" al proprio punto di vista pur avendo in comune il raggiungimento del Paradiso. 
Come dire (semplicisticamente sorridendoci sopra): per raggiungere la meta c'è chi pensa sia meglio prendere un mezzo e chi invece pensa sia meglio fare una bella passeggiata, nondimeno ognuno va verso la direzione che si è prefissata.  

Comunque si da a Dio l'immagine più confacente al proprio essere e alle proprie necessità. 

Io so di non poter parlare in maniera compiuta di questo argomento né di poter impedire con questo "discorsetto" quelle che pare siano guerre di religione, però mi va di sottolineare che mentre l'Occidente ha avuto la Rivoluzione Francese che ha chiuso "l'attrito" tra ragione e "tradizione", il mondo Musulmano no. Traiamone le conclusioni. 

...................................................

Secondo me la fede non si può imporre e esiste un limite oltre il quale le nostre indagini non vanno: di là c'è l'inconoscibile che ognuno chiama come vuole ma non può dare a questo un "aggettivo".
Ognuno di noi deve adoperarsi per il miglioramento proprio e degli altri, per il raggiungimento della comune felicità quaggiù eppure c'è qualcuno o qualcosa che va in altra direzione.


mercoledì 24 maggio 2017

Cigliege


Una bambina di 5 anni, prima di cominciare a frequentare la scuola, autodidatta, scriveva questa cosa. Mi piacerebbe sapere cosa l'aveva ispirata.


Ventiquattro maggio

La Leggenda del Piave

 E.A. Mario

 
Il Piave mormorava,
calmo e placido, al passaggio
dei primi fanti, il ventiquattro maggio;
l'esercito marciava
per raggiunger la frontiera
per far contro il nemico una barriera...

Muti passaron quella notte i fanti:
tacere bisognava, e andare avanti!

S'udiva intanto dalle amate sponde,
sommesso e lieve il tripudiar dell'onde.
Era un presagio dolce e lusinghiero,
il Piave mormorò:
«Non passa lo straniero!»

Ma in una notte trista
si parlò di un fosco evento,
e il Piave udiva l'ira e lo sgomento...
Ahi, quanta gente ha vista
venir giù, lasciare il tetto,
poi che il nemico irruppe a Caporetto!

Profughi ovunque! Dai lontani monti
Venivan a gremir tutti i suoi ponti!

S'udiva allor, dalle violate sponde,
sommesso e triste il mormorio de l'onde:
come un singhiozzo, in quell'autunno nero,
il Piave mormorò:
«Ritorna lo straniero!»

  E ritornò il nemico;
per l'orgoglio e per la fame
volea sfogare tutte le sue brame...
Vedeva il piano aprico,
di lassù: voleva ancora
sfamarsi e tripudiare come allora...

«No!», disse il Piave. «No!», dissero i fanti,
«Mai più il nemico faccia un passo avanti!»

Si vide il Piave rigonfiar le sponde,
e come i fanti combatteron l'onde...
Rosso di sangue del nemico altero,
il Piave comandò:
«Indietro va', straniero!»

 Indietreggiò il nemico
fino a Trieste, fino a Trento...
E la vittoria sciolse le ali al vento!
Fu sacro il patto antico:
tra le schiere, furon visti
Risorgere Oberdan, Sauro, Battisti...

Infranse, alfin, l'italico valore
le forche e l'armi dell'Impiccatore!

Sicure l'Alpi... Libere le sponde...
E tacque il Piave: si placaron l'onde...
Sul patrio suolo, vinti i torvi Imperi,
la Pace non trovò
né oppressi, né stranieri!


martedì 23 maggio 2017

Da Zara a Vasto. ... perchè?


Tante pagine, tante manifestazioni, tanti "per non dimenticare". Eppure ...

Ieri siamo passati al cimitero e tra le tante "curiosità" sono stato attratto da una lapide poggiata come capita in un anfratto. A principio guardo il guano dei piccioni che "vergognosamente" copre la pietra poi leggo Zara. 
Il nome della città istriana mi ha riportato alla memoria il dramma delle povere "anime" italiane che nel secondo dopoguerra hanno dovuto lasciare la loro terra e tutti i loro averi per questione di "razza".
Come sarà stata accolta la povera Antonietta al suo arrivo qui a Vasto? E perchè arrivò nella nostra città? Sola? Con la sua famiglia? Tante sono le domande che quella minuscola lastra di marmo, ormai lontana dal corpo che doveva ricordare, mi ha "accozzato" nella mente.

Chissà se qualche lettore attento mi può raccontare la sua storia o almeno può dirmi chi era.

lunedì 22 maggio 2017

Il silenzio degli ... abitanti


In via delle Croci non è passato e non passerà il Giro d'Italia e le elezioni sono lontane. Vedo con piacere che l'antico selciato fa bella mostra di se, sotto gli strati di asfalto successivamente aggiunti. Tuttavia mi urge evidenziare il silenzio degli abitanti di questa strada che si limitano a imprecare contro l'amministrazione comunale ogniqualvolta un'automobile entra in queste buche. Mi capita inoltre di notare l'espressione del volto e di ascoltare le bestemmie di chi è alla guida di queste automobili e soprattutto delle moto. 

Sorrido. 

Difficile che per questo piccolo problemino ci scappi il morto comunque mi chiedo: "possibile che se non parlo io nessuno prova a rivolgersi a chi di dovere?"

Spero che qualcuno inviti il "sarto Carletto" a mettere un paio di pezze anche in questo luogo.



domenica 21 maggio 2017

Scarpasciùdd' 16-17


FRANGIARUMMA
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 20 maggio '17, arbitro nessuno
ALLOTàTI    CATTAVìNI  3 - 1

Marcatori: Bozzelli, D'Addario, Pegna (b), Di Bussolo (g)

A (blu): Frangione, Di Stefano (fino al 40'), Tortoli, Vino, Serafini, Puddu, D'Addario,  Pegna, Bozzelli

C (gialli): (p.a.r.),Ronzitti P, Di Marco, Di Bussolo, Gabriele, Patriarchi,  Battista, Danenza, Lanza, Nardella (dal 40' in poi)
  
Possibile che un temporale (previsto e puntuale alle 15) sconvolga le menti di navigatissimi fuoriclasse (e fischietti) dell'arte pedatoria vastese, tale da farli desistere nel presentarsi in campo? Eppure così è stato, e alla fine eravamo in 17 (alle 17 ..) pronti ad inzozzarci fino al midollo nella ' lota' del Crowned Stadium; 9 vs. 8 a tutto campo, alla grande! I blu riescono come sempre a segnare per primi, ad opera di un bel diagonale di Simone D'Addario (minuto 11), su assist del 'muarchiggiàne' Bozzelli, che spunta sullo scatto Ronzitti e segna 1-0; poi due incursioni blu in solitario, e conclusioni di D'Addario (14') e Bozzelli (19'), sventate di piede da Patriarchi; ma il nostro (n.d.r. Il sottoscritto) rovina tutto quando, lasciata la guardia dei pali a quello di turno, su rinvio di piede del portiere blu cicca clamorosamente andando fuori tempo, il blu Nick Bozzelli non aspettava altro e dopo 20 m infila facile facile e ringrazia, 2-0. I gialli si affidano davanti all'estro di Danenza, che al 21' su invito di Lanza calcia in area piccola di piatto invece che di collopieno, palla facile preda del portiere; al 34' invece è 'esordiente Di Bussolo che, sganciatosi dalla difesa conclude di destro, palla non molto alta dall'incrocio. Nella ripresa, le quadre si allungano ulteriormente, causa la pesantezza del campo; a tal proposito, il blu Bozzelli in 2 occasioni scivolando si scacchia , causando (sulla stessa fascia, stesso punto) un solco da 'scassàte di la vìgne '. L'uomo in più dei blu si tramuta in 1 in meno (Di Stefano esce, entra nei gialli il ritardatario Nardella): I gialli pericolosi con una sberla di Battista, Frangione devia fuori; 8' contropiede del blu Bozzelli sulla dx, tiro che scheggia il palo sx; 10', penetrazione sulla sx del giallo Lanza, che conclude di punta alla Serafini, Frangione blocca; 13', il blu Vino cambia versante e lancia sulla sx per lo smarcato Tortoli, dribbling a rientrare e tiro che si stampa sul palo dx; e dopo l'ennesimo contropiede blu, terminato da D'Addario con palla poco distante dal palo, arriva la perla dei blu al 18', quando Franco Pegna recepisce un passaggio in area di D'Addario e approfitta di 2 consecutivi rimpalli in tackle con  Di Marco e Gabriele, e segna con un diagonale mettendo a sedere Danenza, 3-0.  Al 21' si sgancia sulla sx il giallo Andrea Di Bussolo, che conclude con un bel tiro a giro che s'infila sotto l'incrocio dx, 3-1. Negli ultimi 20' i gialli assediano i blu, ed entra in scena FRANGIARUMMA: 24', assist di Battista sulla sx per Gabriele sx violento, il màre devia di pugno;  29', cannonata di Battista, respinta di piede dal Max; 33' Battista filtra e smarca sulla sx per Patriarchi, conclusione fuori  a 30 cm. dal palo sx, e al 40', su campanile vagante in area blu, il giallo Nardella a volo scocca un siluro, ma FRANGIARUMMA con uno scatto di reni vola e sventa in angolo deviando in tuffo la palla destinata ad insaccarsi sotto la traversa. 

Conclusa la 'regular season', anche quest'anno i blu hanno surclassato i 'rimanenti' gialli, battendoli per 14 volte (contro 11) e pareggiandoci 7 volte; gol segnati 116 (contro 102 subìti), e capocannoniere il giallo  Gogò Ronzitti con 29 gol e 69 punti.
  
Tutti pronti, venerdì inizia il 19°scarpasciùdd'17.
 


Classifica  cannonieri: 29 gol: Ronzitti Go  26 gol: Angiolillo  22 gol: D'Angelo  19 gol: Frangione M   15 gol: D'Adamo   11 gol: D'Addario, Serafini A   9 gol: Reale    8 gol: Tortoli    6 gol: Battista, Gabriele,  Lanza, Piccinini  5 gol: Di Domenico, Pegna F  4 gol: Stampone  3 gol: Bozzelli, Di Stefano D, Frangione S, Rossi, Stante   2 gol: Carriero, Di Zanna, Forgione, Pegna G, Puddu   1 gol: Danenza, D'Ercole, Di Bussolo, Frasca L, Nardella, Ronzitti cav,  Ruzzi, Versace

sabato 20 maggio 2017

Ennio Palucci



Strano. 
Questa notte stavo sognando che il Preside Palucci mi chiedeva dove si prendeva la corriera per Parigi. Io, dicendogli che ero appena stato in quel luogo, lo accompagnavo alla fermata e attendevo con lui l'arrivo del bus. Il Preside mi offriva un pezzo di pizza al pomodoro e mi diceva: "prendi quello più croccante". Questa pizza mi si frantumava in mano. Vicino alla fermata c'era un bar con tante pizze a disposizione ed erano gratuite, tuttavia quella di Ennio era molto più invitante. Mentre arrivava un pullman rosso e bianco mi sono svegliato con, addirittura, la sensazione di avere delle briciole di pizza in mano.

Appena acceso "Internet" la notizia: Ennio Palucci non c'è più.

Non è stato mio preside. Ci siamo conosciuti in occasione dell'organizzazione del primo Toson d'Oro, quando lui era Presidente del Comitato. Mi ha insegnato tanto con il suo comportamento e soprattutto con il suo "senso dell'onore".

venerdì 19 maggio 2017

Ma de che?



Vi sembra possibile una cosa simile? 

25,32 euro per "tenere in vita" un contatore.

Abbiamo "pagato" un Referendum per riportare l'acqua "pubblica" ma tutto è rimasto come era ormai stato deciso. So che indietro non si torna e la "consultazione popolare" è solo una "barzelletta", tuttavia mi chiedo dove vogliamo arrivare?!

giovedì 18 maggio 2017

Napoli 100 anni fa


Mi chiedo se l'articolo sopra ha ispirato la nostra amministrazione comunale. 
Se non arrivate a capire il senso di questo che scrivo, ve lo spiegherò presto. 

martedì 16 maggio 2017

Scarpasciùdd' 16-17


ARACNIDI (ROSSO)NERI
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 13 maggio '17, arbitro Mario Cinquina
BòCIA    VECCHI SCARPONI  4 - 4

Marcatori: 2 Angiolillo, 2 D'Addario (b), Battista, Rossi, Gabriele, Danenza (g)

B (rossoblu): Frangione, Di Stefano, Reale, Vino, Serafini, Puddu, Clemente,  Pegna, Angiolillo, Nardella, D'Addario

 V (gialloneri): (p.a.r.), Ruzzi, Ronzitti P, Di Marco, Sebastiani, Gabriele, Patriarchi,  Battista, Rossi, Danenza, Lanza, Piccinini

Oggi omaggio alle Penne Nere (senza nulla togliere al passaggio del 100°giro d'Italia ) e poi vedremo il perchè: come sempre i gialli (con perenne portiere a rotazione, e con un inedito Danenza a centrattacco visto il 'ritiro aventiniano' di D'Adamo) incisivi nei primi 15'  (con uno in più per il ritardo del blu Reale), con sparo di mortaretti di Lanza e Battista; ma l'occasione più ghiotta capita a Piccinini che, su cross da dx di Lanza, a 3 metri dal 2°palo manda alto; al 24' il blu Pegna nella 1a azione d'attacco lancia centrale per Luigi Angiolillo, che brucia sullo scatto Gabriele ed infila l'1-0; 27', triangolo in azione di attacco dei gialli Rossi- Battista- Rossi, tiro che si stampa sulla traversa(1°); 29', su contropiede (2°), è il blu D'Addario che capta un suggerimento di Clemente e infila la porta gialla, 2-0; 32', contropiede(3°) dei blu, Angiolillo coglie il palo, e dopo 3 tiri in porta dei blu (e 2 gol e mezzo) contro almeno una decina fuori bersaglio dei gialli, arriva atteso come le prime ciliege il gol giallo: traversone da dx di Rossi e Fabiano Battista la coglie a volo imitando Dani Alves e infila l'1-2, sputando poi il residuo 'nòccio'; e al 44', su invito di Piccinini, Rossi coglie il 2°palo; nell'intervallo, il portiere blu Frangione, coll'immancabile pacchetto di sigarette dentro il calzerotto, marcia a passo di alpino (bòcia) verso porta opposta (quella assolata) con la sediolina sulle spalle e mi fa “ Vitto', che organizzazione, eh ?”: ed io:” ... manca solo il tavolino per sbattere.. la frùsce a coppe”. Si riprende con i blu che sfruttano un indecisione difensiva, e vanno a segno con  Simone D'Addario che va in 'doppia cifra' nei cannonieri e segna il 3-1; 16', Gabriele suggerisce da sx per Rossi, destro violento che si stampa sulla traversa (3°legno oggi per lo sfortunato lipionese); ma al 22' Nicolas Rossi (oggi 'uomo sky', di nome e..di mestiere) ci prova penetrando stavolta da dx e giunto sul fondo piazza il diagonale rasoterra, Frangione non trattiene e la palla entra, 3-2; 29', Rossi va in dribbling al limite e apre a sorpresa sulla sx per Gianni Gabriele, sinistraccio a mezz'altezza che gonfia di nuovo la rete dei blu, ed è 3-3;  33', azione percussiva dei blu con Reale, che ignora lo smarcato Angiolillo e tira a lato; 39' di nuovo i blu in avanti, Pegna penetra sulla dx e rimette al centro, Luigi 'el buitre' Angiolillo aggancia ed in mezzo a 2 avversari piazza il diagonale rasoterra mirando a fil di palo dx, 4-3; e quando sembrava fatta per il blu, i gialli rendono ' pan per focaccia 'quello che era successo 7 giorni prima: Battista sulla sx finta il triangolo con il piazzato Lanza e rimette rasoterra verso centroarea dove irrompe il 'vecchio scarpone' Lorenzo Danenza, che appunto con la 'suola del vibram' corregge in rete, pareggiando 4-4 in zona cesarini.

Tutti pronti, meno 1 giornata all'inizio del 19°scarpasciùdd'17.


Classifica  cannonieri: 29 gol: Ronzitti Go    26 gol: Angiolillo   22 gol: D'Angelo      19 gol: Frangione M   15 gol: D'Adamo   11 gol: Serafini A   10 gol: D'Addario  9 gol: Reale    8 gol: Tortoli    6 gol: Battista, Gabriele,  Lanza, Piccinini        5 gol: Di Domenico    4 gol: Pegna F, Stampone     3 gol: Di Stefano D, Frangione S, Rossi, Stante   2 gol: Bozzelli, Carriero, Di Zanna, Forgione, Pegna G, Puddu   1 gol: Danenza, D'Ercole, Frasca L, Nardella, Ronzitti cav,  Ruzzi, Versace

domenica 14 maggio 2017

Ognuno ha la mamma che si merita.


Oggi è la festa della mamma. Per me questa festa si celebra ogni giorno. .... Ognuno ha la mamma che si merita.

sabato 13 maggio 2017

Serracchiani ... ma anche.


Ci sono alcuni personaggi della politica che "epidermicamente" non sopporto. Uno di questi è Debora Serracchiani. Ciò premesso, mi trovo a doverla "difendere" in merito al putiferio scatenato dalla sua frase sullo stupro: "Più grave se lo commette un profugo".

Io penso che la Serracchiani intendesse evidenziare il concetto in base al quale non ci si aspetta da una persona accolta con tante "attenzioni", una tale "cattiveria" su chi fa parte di un popolo che queste "attenzioni" gli dedica.
In questo "babilonico" momento della nostra società, però, tutti si sono scagliati sulla esponente renziana del PD, creando lo "choc", approfittando del fatto che tanto chi parla quanto chi ascolta non riflette o non riflette a sufficienza.

A proposito di riflessioni: io vorrei conoscere le statistiche sul numero di persone accolte in Europa in merito al sesso. Quanti maschi e quante femmine? 
A me, da quello che vedo in giro, sembra che il numero dei maschi, giovani, forti, sani e aitanti sia ben superiore a quello delle femmine. La domanda che mi pongo è: "qualora sentissero il richiamo della natura a chi si rivolgerebbero?"
Permettetemi la battuta: "chi lo prenderà in quel posto?"

Pare che il Presidente Mattarella abbia detto che "il fenomeno dei migranti va governato chi senso di responsabilità, con saggezza ma anche con intelligenza".
Quel "ma anche" mi lascia perplesso.

Mi fermo qui.

venerdì 12 maggio 2017

Binario morto


Ogni anno arriva questo periodo e si ascolta sempre la solita canzone. Cambia il pupazzo, cambia il cantante ma "the song remain the same". E leggi di programmi. E leggi di allungare la stagione. E leggi ...
Ma di cosa parliamo?
La solita minestra riscaldata tra l'altro in porzioni sempre minori.

Sveglia ragazzi! Siamo su un binario morto. Alle nostre spalle corrono veloci i treni mentre noi stiamo ancora a pensare alla "destagionalizzazione". Ma de che? Se non ancora siamo in grado di capire "per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare".

La foto di Vasto sempre più sfocata forse perchè ci si sforza di fotografare al tramonto .... contro sole.

lunedì 8 maggio 2017

Scarpasciùdd' 16-17


ARACNIDI (ROSSO) NERI
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 6 maggio '17, arbitro Mario Cinquina
VEDOVE NERE   MALMIGNATTE 3-3

Marcatori: 2 Angiolillo, 1 D'Addario (b), 2 Piccinini,  1 Ronzitti cav. (g)

V (blu): Serafini, D'Ippolito, Tortoli,  Vino, Lacaita, Puddu, D'Addario,  Pegna, Angiolillo, Reale, Nardella, D'Angelo

M (gialli): (p.a.r.), Ronzitti P, Gabriele, Sebastiani, Danenza, Patriarchi,   Battista, Rossi, D'Adamo, Lanza, Piccinini, Ronzitti cav, Di Marco
 

Troppa gràsce! Era da tempo che non si contavano così tanti 'pieditorti' in campo; oggi 12 vs. 12, con Frangione che, visto l'abbondanza, ha preferito altre mete più amene. I gialli pericolosi subito con un'incornata di Rossi su cross da dx di D'Adamo, ½ metro sopra l'incrocio; i blu subiscono l'impeto iniziale dei gialli chiudendosi a riccio, e il portiere per caso Serafini (bardato come il mitico Cudicini, detto 'il ragno nero'), salva 2 volte su conclusioni di Lanza e Battista. Ma su un tiro neanche un po' irresistibile del Cav. Giuseppe Ronzitti, il nostro Silvano ci si avventa sicuro 'a orso nudo', ma la palla gli passa tra le mani e le gambe e termina in rete, 0-1. I gialli, magnanimi, per rendere il favore, ne combinano due: al 20' durante il cambio portiere, non fermano il gioco, e mentre Patriarchi inforca  i guantoni, il centrale designato per sostituirlo non ancora prende le consegne, ne approfitta lo smarcato Luigi Angiolillo, che lanciato da Reale, calcia in rete il pareggio dell'1-1. I blu prendono coraggio e nell'arco di 15 min. offendono minacciosi: Pegna appoggia a sx per lo smarcato D'Angelo, che spreca alto; Angiolillo che si fionda in area piccola su taglio di D'Addario, Patriarchi respinge di piede; conclusione a volo di Angiolillo, respinge Patriarchi sull'incombente Nardella che a volo spreca fuori; su rimessa in gioco conseguente, sulla dx Di Marco e Gabriele non s'intendono, s'intromette il blu Simone D'Addario, diagonale violento sul palo lungo, 2-1 . Nel 2°t, Pegna si preoccupa più sul mutuo da richiedere per far fronte ai ciambotti post-partita del torneo, mentre Angiolillo e D'Addario nei primi 5' vengono bloccati in 'fuorigiochissimo'( ennesimo superlativo coniato da Fabiano) da Collicinguìna, che arbitra col GPS, ma poi si gioca ad una porta sola, quella blu: i gialli hanno buoni spunti su larghe intese a centrocampo, dove dettano legge Rossi e Battista, ma i colleghi Lanza e Ronzitti cav. oggi sono gli autentici 'uomini-sky' ; al 65' i gialli pareggiano con fortuna: direttamente su corner dx, D'Adamo scheggia l'interno della traversa, la palla colpisce la 'sèsa' di Gianni Piccinini ed entra dentro, 2-2.  Al 74' il giallo Ronzitti cav. da 20m staffila, palla che prende la traversa piena, sulla ribattuta Piccinini manda fuori, ma il nostro 'Giuvuànn' mezzasquàdre' si rifà al 83', quando su mischia furibonda in area blu, gira dritto per dritto una palla vagante e segna il 2-3: e quando sembrava quasi fatta, i blu pareggiano all'87': Nardella intravede Luigi Angiolillo, che capta al centro e spostandosela sul suo implacabile dx batte con un preciso diagonale l'incolpevole Danenza, 3-3 . Nel finale, colorito battibecco tra il 'ragno nero' Silvano e la malmignatta Paolo per un contrasto in uscita, e meno male che tifano uguale ... raffreddate gli animi e scaldate i motori, meno 2 giornate dall'inizio del 19°scarpasciùdd'17.
 

Classifica  cannonieri: 29 gol: Ronzitti Go    22 gol: Angiolillo, D'Angelo      19 gol: Frangione M   15 gol: D'Adamo   11 gol: Serafini A   9 gol: Reale    8 gol: Tortoli     7 gol: D'Addario  6 gol: Lanza        5 gol: Battista, Di Domenico, Gabriele    4 gol: Pegna F, Piccinini, Stampone     3 gol: Di Stefano D, Frangione S, Stante   2 gol: Bozzelli, Carriero, Di Zanna, Forgione, Pegna G, Puddu, Rossi   1 gol: D'Ercole, Frasca L, Nardella, Ruzzi, Versace

Il "cervellatico" piano di Lapenna & C.


Sul litorale nidifica il fratino e a volte si vedono i cormorani. Nel centro storico invece, grazie ai dettami del Piano di "recupero" che porta il nome di Cervellati, si vedono sempre più spesso le "gru".
A voi non interessa alcunché di questo problema, magari siete più presi dal problema dei piccioni, tuttavia lasciatemi esprimere il mio rammarico. 
Tutti a fotografare i "bel" centro storico, tutti a decantarne gli scorci. Solo io mi sono accorto che non ha più anima?



sabato 6 maggio 2017

Max da Pisa ....



Ho un telefono che senza chiedermelo mi cancella i numeri telefonici. Tra questi quello del mio amico Massimo di Pisa. 
Caro Max, non sei su Facebook ma so che mi segui. Appena puoi quindi rimandami i tuoi numeri.
Per la cronaca nella foto appaiono (da destra) il Dottor Roberto Ciecalupi, il Dottor Nicola Vitelli, Massimo Marchetti, il compianto Nicola Bellafronte col volto profeticamente coperto e un'altra persona di cui non ricordo più.

martedì 2 maggio 2017

Scarpasciùdd' 16-17



 ”MI DAREI UN 10...”
di Vittorio Patriarchi

Campo sportivo Incoronata, sabato 29 aprile '17, arbitro Lorenzo Danenza
NORDCOREANI – YANKEES  7 - 3

Marcatori: 3 Angiolillo, Di Stefano D, 1 Frasca L (b),  D'Adamo, Serafini A, Rossi (g)

N (blu): Frangione, D’Ippolito, Di Stefano A,  Reale, Serafini S, Puddu, D'Addario,  Pegna, Angiolillo, Di Stefano D, Frasca L.

Y (gialli): p.a.r., Gabriele, D' Adamo, Sebastiani, Patriarchi, Rossi,  Battista, Lanza, Serafini A, Frasca E, Piccinini

Proclami minacciosi tra Corea del Nord e Usa, della serie “màmm', Cìcce m'tòcche, tòccheme Cìcce!“; hanno ispirato questo sabato pre-ponte, coincidente (nell'orario) al 'rientro' della Madonna dell'Incoronata che, come noto, è caratterizzato dagli 'spari': e infatti al 30', visto che nessuno finora si decide (e meno male), “sème sparàte nu“, con Alfredo osservatore internazionale, e partita sospesa per 5'. I bellicosi blu, con 1 in più, schierano il 'mare' Frangione infortunato tra i pali, e vanno in vantaggio al 11', quando su traversone teso da dx di Di Stefano s'avventa Luis Angiolillo, che anticipa Rossi e la mette dentro in girata 'scivolata', 1-0; come da copione, dopo 4' arriva il raddoppio, ad opera di Dario Di Stefano, che  da sx 'sombrera' di punta il marcatore, lo supera ed accentrandosi infila sulla sx con un destro implacabile, 2-0; i gialli spingono sulla dx, e Serafini,  vincendo un tackle sul padre in area, colpisce a botta sicura, palla che scheggia la base del palo sx e va fuori ; i gialli accorciano al 31': Serafini da dx crossa teso, spunta  a centro area Paolo D'Adamo, che di prima stanga d'esterno destro, palla tesa a mezz'altezza sulla sx, imprendibile, 3-1 e  'Mac Donald' per festeggiare, prima sentenzia:” mi darei un bel 10 “; poi da' l'ok per gli spari...della Madonna. Dopo la sospensione per 'la dimostrazione di forza', i  blu colpiscono di nuovo in contropiede ad opera di Luigi Angiolillo, ispirato da Reale, 3-1. Nella ripresa, i gialli tentano in tutti i modi di rimettersi in carreggiata e comandano di fatto il gioco, tant'è che il 'mare' in porta non fa in tempo ad accendersi una 'sollàzza' che la deve spegnere per il pericolo imminente; ma i gialli vengono infilati come polli in contropiede, anche perchè il centrale Rossi ora gioca a centrocampo: il blu al 14' D'Addario da dx serve per lo scatto di Luigi 'Kim Il Sung'Angiolillo sulla sx, completamente smarcato, tiro vincente del 4-1; al 16' la risposta yankee, clamorosa palla gol per il giallo D'Adamo, su assist di Frasca, che in area piccola spara il razzo con alzo a 'più infinito', palla nel Mar Giallo Cinese ; al 21' è invece il blu Reale  che imbecca lo scatenato Dario Di Stefano, 22 anni , che porta il  punteggio sul 5-1. Al 23' il giallo Andrea Serafini carpisce un invito di Battista, svicola dal corner sx e s'accentra sulla linea di fondo colpendo d'interno dx, palla con deviazione decisiva di Puddu che spiazza il 'mare' ed entra in rete, 5-2; al 28' i gialli ci credono, Lanza serve in area per D'Adamo, 'the donald' furioso spara un Cruise a 4 m dalla porta, ma l'ordigno col giroscopio impazzito punta verso il Mar Glaciale Artico; ci ritenta Serafini su assist di Battista, stavolta il missile arriva più vicino a noi, verso 'cunguarèlle'; al 34' gli yankees finalmente azzeccano lo specchio della porta: su corner basso da dx di D'Adamo, Nicolas Rossi s'avventa e infila rasoterra sul 1°palo, 5-3; ma l'obiettivo centrato fa scatenare la risposta nordcoreana, che si concretizza negli ultimi 10': dopo una scarica di missili SAM di Pegna fuori bersaglio, prima Dario Di Stefano (81') porta il bottino a 6-3, su assist di Reale, che carpisce palla a Patriarchi; al 84' Enzino Frasca in porta ai gialli interviene con gli scudi stellari negando il gol al padre Lino, letteralmente togliendo la palla dall'incrocio dx; ma poi di nuovo entra in scena Lino 'MaoTzeTung' Frasca (resuscitato dopo 1 anno di letargo),  proponendosi a mani aperte come mediatore, che però ' frèghe a la vuddàte ' il figlio in porta con un multitestata a pallonetto, per il finale 7-3, mentre l'avvocato ripensa sconsolato all'auto-voto del 'donald'...  



Classifica  cannonieri: 29 gol: Ronzitti Go  22 gol: Angiolillo, D'Angelo  19 gol: Frangione M   15 gol: D'Adamo   11 gol: Serafini A   9 gol: Reale    8 gol: Tortoli     7 gol: D'Addario  6 gol: Lanza  5 gol: Battista, Di Domenico, Gabriele  4 gol: Pegna F, Piccinini, Stampone   3 gol: Di Stefano D, Frangione S, Stante  2 gol: Bozzelli, Carriero, Di Zanna, Forgione, Pegna G, Puddu, Rossi  1 gol: D'Ercole, Frasca L, Nardella, Ruzzi, Versace

lunedì 1 maggio 2017

Vasto nella letteratura


Qualche giorno addietro ho comprato un libro ma non ho avuto tempo di iniziarlo. Mia moglie invece lo ha letto e mi ha chiesto se lo avessi comprato perchè nel libro si "cita" Vasto. A pagina 90 infatti si cita la nostra Città ma assolutamente non lo sapevo.
L'autore fa dire ad uno dei personaggi: "Domenica siamo a Vasto coi ragazzi della sud". "Dobbiamo cercare sulle cartine dov'è Vasto perchè nessuno in curva lo sa, si pensa solo che sia un posto grande".
Sono solo due righe ma mi hanno fatto pensare molto al posto in cui vivo.
Non mi dilungo. Mi piacerebbe conoscere il vostro pensiero in merito .... ma anche "no". "L'avversario va studiato prima".


domenica 30 aprile 2017

I vitelloni ... del Vasto



Ebbene si! C'è stato anche a Vasto un periodo felice e chi se lo ricorda non smette mai di ricordare aneddoti o storie. Non c'erano tanti luoghi di svago all'epoca ma la noia della gioventù si "attutiva" con poco. Ci sono stati anche a Vasto, come nella Rimini di Federico Fellini o nella Pescara di Ennio Flaiano, i "Vitelloni".

Io vi aspetto (se mi chiama qualcuno del "comune") alla mia "Petite promenade". Vediamo se riesco ad attutire la noia.

sabato 29 aprile 2017

Lucio Dalla


Questa notte sognavo tanta neve, e io, accompagnato da Lucio Dalla, camminavo dicendo: "strano non si scivola". Lucio mi ha chiesto di dormire nella casa di "Zia Trisina Fore a la porte" e io lo accompagnavo, parlando di canzone.
Mi sono svegliato e mentre sto ascoltando un disco di Nada che dice: "io l'ho visto trascinava il suo corpo tra la gente indifferente ....", metto a fuoco idee per non annoiarmi questa prossima estate.
Qualcosa farò. 
Ho provato a lanciare un "invito" all'amministrazione comunale per organizzare una "petite promenade" (spiegherò a tempo debito) ma fino ad ora nessuno si è fatto avanti. - Non mi vedrete mai ad "elemosinare" sull'uscio del sindaco o di qualche suo delegato. - Se non contattato, qualcos'altro farò.
A proposito: nel sogno, Lucio Dalla sorridendo mi ha detto che si è trovato bene e .... però non mi ha pagato con denaro. Mi ha pagato col sorriso. Alla prima cosa sono abituato. Alla seconda invece no.



... non necessariamente a Vasto.