mercoledì 31 luglio 2013

Attesa per il Palizzi ritrovato.

Ultimi "ritocchi" al Piccolo Crcolo Garibaldino di Vico Sinello a Vasto, per la mostra: Il Vasto nel Palizzi Ritrovato. La foto che segue mostra il luogo dove il dipinto sarà esposto.
 Vi attendiamo numerosi, non solo per ammirare la tela ma anche per farvi conoscere Vico Sinello e ....

Eppure ...

Eppure sarebbe stato bello anche così il Lungomare. Pulito, ordinato, con il fondo rosso particolare. Le palme incappucciate sostituite da nuove, che sarebbero ricresciute in attesa di nuovi "punteruoli". 
Chissà perché però, a Vasto, città di mare, non si sa che "pesci" prendere. Qualcuno tornerà a dire: "ne riparleremo a settembre". Ogni anno è così.

lunedì 29 luglio 2013

Scarpasciùdd 15°

di V.Patriarchi

LIMITE A CENTOTRENTA ANCHE DA NOI

decima giornata. Alla 5a di ritorno, nell'anticipo di giovedì, il Bayelsa strapazza il Dolphins e consolida il primato, mentre l'Enyimba, vincendo sul Kaduna, pur a pari punti con i l Bayelsa, in virtù degli scontri diretti, vince il 15°Scarpasciùdd'2013

giovedì 25 lug '13, campo Incoronata, h.20:
DOLPHINS   BAYELSA Utd  0-7, (ris. andata 0-4)
arbitro sig. Edhill.

I blu del Dolphins, 'ddu' scacchiunùtte, carìccia sò', (10 su 16),  per arrivare al n° legale, schierano Hulk in prestito dall'Akwa e Carlucci junior, e in attesa di Radoccia (al suo esordio, oggi, dopo 7 giornate, sabbatiche per cogliere l'ispirazione), provano a realizzare un 'ipotetica vittoria che, unita ad un probabile risultato dell'ultima, potrebbe materializzare un sogno, cioè di un finale ex aequo tra i primi 3: ma i bianchi del Bayelsa (13 su 15) non fanno questi voli pindarici, e sono più materiali: e infatti, al 2' Mazzeo passa in lungolinea sulla sx per Marco Frasca, che di esterno destro realizza lo 0-1. Al 4' Carlucci serve centralmente in area  Di Felice, botta tremenda che fa 'trizzicà' la traversa e va fuori; al 6' è Finamore che ci prova dal limite, mira il 7 dx, Seccia ci arriva e blocca. La 1°occasione per i blu al 10', quando Molino lancia a centrocampo Lacanale che guadagna campo e ammolla  un esterno destro a 'cavatappo', Grobelar devia sopra la traversa. Al 12', contropiede 4 contro 1 per i bianchi, Frasca per Finamore, destro teso, Seccia devia in angolo e mister D'Adamo, dalla panchina, sbraita 'gne' nu turcumùanne'. I bianchi continuano a bombardare: al 16' Tumini libera in area a sx Mazzeo, diagonale teso che sfiora il palo dx e va fuori, mister D'Adamo gli manda ' nu' bramesddòmene '; al 17' il blu Carlucci lancia in contropiede Lacanale, che scavalca il portiere ma s'allunga la palla, riesce ad arrivarci e dalla linea di fondo tenta il diagonale impossibile rasoterra, la palla danza sulla linea di porta (vuota) e esce fuori sul 2°palo. Al 22' i bianchi rompono gli indugi: Tumini smista in area per il libero Marco Frasca, che realizza lo 0-2; neanche il tempo 'p'arifiatà', e dopo 1', il bianco Di Marino lancia in contropiede Max Tumini, esterno dx e gol dello 0-3. Al 32' il bianco Frasca coglie il palo, sulla ribattuta Soldano manda fuori; al 36' e al 38' i blu sparano le ultime cartucce con 2 tremende bordate di Lacanale e Molino, il portiere Grobelar si esalta deviando in entrambi i casi in angolo. Nella ripresa, 15' di sbiellamento totale in surplace, nessuna occasione, poi i blu 'attàcchene la vàrche': al 15' assist del bianco Di Carmine per Max Tumini, che insacca a fil di palo dx lo 0-4; al 18' su un tiro di Frasca, s'avventa sulla linea di porta Mazzeo, gol annullato per fuorigioco; al 23' , in area blu , triangolo di prima tra Frasca, Mazzeo e Max Tumini che, sempre di prima chiude in gol e segna lo 0-5: i blu tentano ' d' arizzà la còcce' e al 25', Maccione si sgancia e crossa da dx, girata di Radoccia fuori; ma i bianchi dilagano in lungo e in largo: al 27' Di Tullio fugge sulla sx, effettua un traversone al centro, dove, liberissimi, sia Mazzeo che Carlucci fintano e s'inchinano per lasciar palla all'esterno Peppino Soldano, che evita con un dribbling l'unico difensore blu e infila con un preciso rasoterra a fil di palo sx, ed è 0-6. Al 40', su lancio lungo di Finamore, Mazzeo si scontra col portiere in uscita, ma fa in tempo a retropassare per Tiziano Di Felice, che facilmente batte in rete e sigla il definifivo 0-7. 


venerdì 26 lug '13, campo Incoronata, h.19:
ENYIMBA    KADUNA PILLARS  8-4, (ris. andata 1-3), arbitro sig. Michele De Filippis. Caldo africano, ma partita combattuta: il Kaduna (10 su 15) parte in inferiorità numerica e subisce al 4' il gol di Darek Dzierwa su assist di Sarchione:1-0. Il raddoppio dei rossi dell'Enyimba (14 su 15) è ad opera di Antonio Sciorilli, e il 3-0 lo segue  a ruota, e lo segna Darek Dzierwa. I verdi accorciano al 25', Franchella serve al centro area per Hulk D'Angelo (in prestito dall'Akwa), che batte di destro Vecchio: 3-1. Al 27' il verde (e come, sennò ?) Hulk fa tunnel a Stampone e molla una scileppa verso l'incrocio dx, stavolta Vecchio vola e devia in tuffo. Al 31' i verdi triangolano stretto con Meo  e Cericola, rasoiata in area piccola di quest'ultimo, respinta corta del portiere su cui s'avventa Nicola Celenza, che di piatto realizza il 3-2. Darek comincia a strillare e strigliare i compagni: al 39' Ronzitti crossa da sx per Cecco Orticelli, che da fermo di testa piazza sul 1° incrocio, ed è 4-3. Al 44' arriva il 3° gol di Darek Dzierwa (5-3), e come da accordi presi col capitano, scattano le ganasce e il bomber si accomoda in panchina. Nel 2° t Orticelli viene venduto ai verdi 'pi ddu' fèlle di citròne' e, con la parità numerica, la partita si fa più interessante: al 3' i verdi  potrebbero accorciare quando, al 7' l'arbitro concede loro (di manica larga) un rigore: Hulk precede Meo sul dischetto, batte ma manda fuori sul palo sx. Le squadre s'allungano: su contropiede verde al 12', il rosso Di Marco recupera miracolosamente su Teti lanciato a rete e spazza via;  al 16' contropiede dei rossi, Valentini fa volare sulla fascia sx Sciorilli, conclusione sulla traversa, sulla ribattuta il ' gaucho' Di Luca di testa manda alto. Mischia confusa al 19', conclusione di D'Angelo, para a terra Vecchio; al 23' il rosso Celenza passa a Derio Valentini, che, sganciatosi dal ruolo difensivo, si accentra, finta e con una rasoiata realizza il 6-3. Al 32' Darek Dzierwa rientra in campo e su passaggio di Sarchione realizza la sua quaterna, e siamo al 7-3; al termine dell'ennesima triangolazione di prima tra Meo- Cericola -Franchella, i verdi accorciano con Luigi Teti, e fa 7-4; infine Nicolas Rossi, come a bàzzica, dichiara di voler far l'ultimo gol, e al termine di una sua galoppata sulla dx, realizza il finale 8-4 gridando " à fàtt', à fàtte !"( esclamazione tipica del giocatore di bàzzica quando raggiunge la mèta ) e corre ad abbracciare il pargolo in panchina.
ha riposato: AKWA Utd.

Classifica finale: 19 pt.: Enyimba e Bayelsa Utd.     13 pt.: Kaduna Pillars      6 pt.: Dolphins    3 pt.: Akwa Utd   

Class.cannonieri: 18 gol: Dzierwa (ENY)  8 gol: Tumini (BAY), 7 gol:Teti (KAD)   5 gol: D'Angelo (AKW), Pesolillo (DOL)  4 gol: Frasca M (BAY), Angiolillo (KAD),Baiocco (DOL)   3 gol: Serafini R (AKW), Carlucci P, Di Tullio A (BAY), Cericola (KAD)   2 gol: Di Tullio G, Somma (AKW), Di Felice, Mazzeo (BAY), Serafini A (KAD), Molino (DOL), Di Luca, Sciorilli (ENY)  1 gol:  Ronzitti Ni, Vinci (AKW), Di Carmine, Soldano, Finamore (BAY), Franchella, Storto, Celenza N (KAD), Carlucci M (D OL), Berarducci, Orticelli, Ronzitti S, Rossi, Sarchione, Valentini (ENY), Forgione, Ronzitti Gò (PUTT)


A termine gara di venerdì, c'è stata la cena finale del torneo presso la sala parrocchiale della chiesa di S.Marco. Estasiati dalla cucina della sig.ra Antonella ed il suo staff, i presenti 54 giocatori hanno consumato 130 bottiglie di birra( i conti fateli voi ), dopodichè Orazio ha tarato l'autovelox fermo a 130 e ha bloccato il ricambio delle bottiglie. Le altre 'premiate ' bottiglie, di spumante (altro appuntamento ironico) sono state così distribuite: per i rossi dell'ENYIMBA, una per il capocannoniere Darek Dzierwa (18 gol) e una per il 'Moretto dell'Incoronata' Sergio Ronzitti ( in rete migliaia di 'mi piace' sulla sua foto in adamitico ). Per i bianchi del BAYELSA, una per la miglior differenza reti al vice cannoniere del torneo Max Tumini( 8 gol ) e una per il miglior portiere del torneo( solo 10 gol subìti ) a Domenico  'Grobelar' Notarangelo; ai verdi del KADUNA PILLARS, una al miglior 'tattico', il prof.Marco Franchella, e una per la classifica presenze in campo a capitan Emanuele Puddu; una bottiglia ai blu del DOLPHINS per la classifica Fair play(correttezza in campo ) a Miki Lacanale; e una bottiglia ai gialli dell'AKWA Utd. al 'Nando Martellini' cronista, nonchè bomber della squadra, Pietro 'Hulk' D'Angelo. Nel ringraziare la parrocchia S.Marco ( nella persona dell'ineguagliabile Orazio) per l'ospitalità, tutti i partecipanti al torneo( compresi gli assenti alla cena- 'vi li sète pèrse...'), gli arbitri e tutti quelli che si sono adoperati per la riuscita di questo sogno che dura da 15 anni (compresa l'ospitalità dei media in rete e l'ineguagliabile opera del custode del campo Alfredo), vi diamo appuntamento al prossimo anno per la 16ma edizione, " si Ddìa vò...".

Eccomi di nuovo.

Dopo un "infuocato" fine settimana romano, eccomi di nuovo a Vasto. Oggi, per festeggiare il mio 58° compleanno, me ne sarei potuto andare tranquillamente al mare ma "gli impegni" innanzi tutto. L'organizzazione della mostra su Nicola Palizzi per me è una priorità e spero di fare cosa gradita.
L’idea di fare cultura, portando persone nei punti più nascosti della città è una scommessa che perseguo da tempo. L’occasione, fornitami dall’amico Stefano D’Adamo, di presentare un quadro “sconosciuto” di Nicola Palizzi nella sala degli specchi del Piccolo Circolo Garibaldino, mi mette nella condizione di verificare se questa scommessa è vinta oppure no.

In collaborazione con l’Associazione 72 dell’Arte quindi, presentiamo la mostra intitolata “Il Vasto nel Palizzi ritrovato” a cura di Francescopaolo D’Adamo. Piccolo Circolo Garibaldino, vico Sinello 10 (centro storico) 31 luglio – 9 agosto.
Mercoledì 31 luglio inaugurazione, ore 18:30 durante la quale si terrà una conferenza sul tema “La Città del Vasto rappresentata in pittura”. Relatori: Roberta Presenza e Stefano D’Adamo.

L’atmosfera che si respira nel vedere rappresentato “Il Vasto” nei primi dell’Ottocento, in un dipinto collocato in un ambiente coevo, crea una situazione che raramente si riscontra in musei, in gallerie o in ambienti allestiti ad hoc. La tela di Nicola Palizzi, proveniente dalla collezione di Stefano D’Adamo è una piccola ma significativa opera che messa a confronto con i dipinti di Gabriele Smargiassi o con le incisioni di Filippo Molino apre a nuovi discorsi sui diversi approdi tematici e stilistici, affrontati con diverse soluzioni estetiche e stilistiche.


Aperta tutti i giorni dalle 19:30 alle 23:00. Ingresso gratuito. Per informazioni e prenotazione visite guidate tel. 339 23 777 05.

venerdì 26 luglio 2013

Auguri alle Anna ... ma anche ai Gioacchino!

Nel mio quartiere due giorni di "festa". Con l'occasione rinnovo l'invito a visitare dal 31 luglio al 9 agosto la mostra del quadro di Nicola Palizzi al Piccolo Circolo Garibaldino in vico Sinello. In quella occasione potrete anche .....

giovedì 25 luglio 2013

A Nicola Notaro

Caro Nicola, ti ricordi le liti negli anni Settata? E ti ricordi quando dopo tanti anni, venni a dirti che avevi ragione tu? Ricordi quando male ti dissi ai tempi della realizzazione del "cavalcavia" su corso Mazzini? E le risate quando dovetti riconoscere che era necessario, pur insistendo che doveva essere un progettista "sensibile" a progettarlo? Caro Nicola, tutti quei discorsi sullo sviluppo della nostra città e dell'intero territorio. Le idee giuste e le idee sbagliate ... ma comunque idee. E i "giapponesi" a Vasto? Tutte le speranze di rendere Vasto una grande città? 
Caro Nicola, io adesso preferisco ricordarti con questa foto. Mio padre, lo riconosco io. Tu sarai riconosciuto, oltre che da me, dai tuoi amici. Quelli che sanno riconoscere, senza ipocrisia, quanto valevi.

Un invito

Passeggiando nel centro storico, guardando le vetrine dei negozi, tra i tanti capi esposti, le eccellenti proposte e i prestigiosi capi firmati, potrete trovare anche l'invito a visitare la mostra "Il Palizzi ritrovato".
Penso che questo sia un modo diverso e coinvolgente di fare "cultura".
La sinergia (in questo caso a costo zero) tra le attività commerciali e chi propone "cultura", posta in maniera educata e concreta. Non più la solita locandina "attaccata" sulla vetrina, che distoglie lo sguardo dell'osservatore dal prodotto esposto, ma la discreta presenza di un invito.

mercoledì 24 luglio 2013

Ma chi lo ha detto che a Vasto non funziona niente?

Funziona Di Fonzo. 
Con 10 Euro vai a Roma e con 10 Euro ritorni. Arrivati nella capitale, puoi fare ciò che più ti piace. Puoi semplicemente passeggiare o visitare un museo, oppure recarti ad un concerto o a uno spettacolo teatrale. Se poi vuoi trattenerti, con 30 euro al giorno potrai occupare una stanza in un confortevole B&B (compresa la prima colazione). 
Io però mi chiedo: "perché non sarebbe possibile il contrario?"
Proporre ai romani un "pacchetto" che contenga il viaggio andata e ritorno, un bel bagno al mare, magari presso uno stabilimento alla marina o altrove, e un bel pranzo a base di prodotti tipici. Si potrebbe allungare il soggiorno, proponendo camere a prezzo concordato, serate al chiaro di luna o nelle piazze dalla "speciale atmosfera di vitalità" che Vasto sa offrire.
Perché non pensarci in occasione del Vasto Film Festival?

martedì 23 luglio 2013

Al vastese non far sapere quanto è bella la Grotta del Saraceno e il suo Belvedere.

Ieri dopo circa 35 anni, invitato ad un evento culturale, sono tornato alla Grotta del Saraceno. Ho trovato il posto incantevole. Curato nei dettagli e gestito pregevolmente. Dieci posti come questo e Vasto sarebbe una ambita meta turistica ma immagino cosa direbbero "certi" miei concittadini, rosi dall'invidia, nel visitare questo luogo. Non ve lo scrivo ora ... magari più in là. 

IL PALIZZI RINTRUFATO

Di Roberto Flocco
E’ estate, è tempo di mostre e per mostra non è necessariamente intesa la moglie del mostro (o no?!). 
Il centro storico si arricchisce di fantomatici artisti che spuntano da ogni dove. Orde di immortali capolavori tra classicismo ed avanguardia, fanno capoccella tra vicoli e vetrine. Indiani sioux scolpiti a colpi di macete su tranci di sequoia, Amy Winehouse impreziosita dal glitter, Marylin Monroe che si regge le tette scolpita nella gomma pane. Opere incommensurabili che generalmente sarebbero rifiutate in un suburbio turco, ma che qui fanno impazzire i turisti … forse. I Teomondo Scrofalo del terzo millennio l’hanno capito, e furbetti e maliziosi, vengono qui a piazzare la loro mercanzia ancora umida. “Bello, eh?” esala l’esimio artista quando il mio sguardo vitreo si posa sul capolavoro esposto in vetrina, “Fantastico” rispondo io, sfoggiando un inquietante sorriso a paresi. Ci rendiamo conto che non possiamo competere con tutta questa arte. Noi che siamo modesti e dimessi, ci vogliamo però provare. Ci accontentiamo di esporre un unico quadro, di Nicola Palizzi, fratello del più famoso Filippo Palizzi. Fratello sì, perché qui se non sei parente di qualcuno importante, non ti si fila nessuno. Non ci aspettiamo chissà che, d’altronde la mostra di un solo quadro vecchio… addirittura del 1853… poi di un artista locale… quando mai qualcuno è stato profeta in patria? Però noi ci vogliamo provare e vi aspettiamo comunque, dal 31 luglio al 9 agosto dalle 19:30 alle 23:00 presso Il B&B Piccolo Circolo Garibaldino in Vico Sinello, 10. Ah, l’inaugurazione è mercoledì 31 luglio alle 18:30… non mancate!

lunedì 22 luglio 2013

Scarpasciudd 15°

di V.Patriarchi 

GLI AMMUTINATI DEL BOUNTY

Nona giornata. Alla 4a di ritorno, il match clou tra 1a e 2a si è risolta solo ai rigori in favore degli inseguitori, mentre la sfida tra le ultime due ha visto predominare il nonsenso di alcuni gialli, che pur in vantaggio, hanno abbandonato il campo , decretando con il loro gesto la sconfitta della loro squadra a tavolino. 

venerdì 19 lug '13, campo Incoronata, h.19:
BAYELSA Utd.  ENYIMBA 2-2, d.r. 6 -7,(ris. andata 2-2, d.r.4-6)
arbitro sig. Orazio Di Blasio.

I rossi dell'Enyimba (12 su 15) sbloccano il risultato al 6': Di Marco sorprende tutti, si defila sulla fascia destra, tocca per Ronzitti che crossa, al centro si avventa sulla palla Dante Di Luca che di piatto infila Notarangelo, ed è 0-1. E nel 1° tempo i rossi sembrano più intraprendenti: al 10' Dzierwa, lanciato da Rossi, batte forte in diagonale, il portiere bianco Grobelar salva in corner; al 15', su punizione dal limite, Ronzitti manda alto; al 35' Orticelli lancia sulla dx Dzierwa, che supera un avversario e colpisce a botta sicura, Grobelar stavolta si salva di punta di piede e sventa in angolo; al 38' i bianchi del Bayelsa (13 su 15) si fanno pericolosi: Tumini si defila sulla fascia, crossa da dx per Frasca, anticipato per un soffio da Rossi che sventa di testa; al 40' ulteriore occasione per Dzierwa, su assist di Sciorilli, solo davanti al portiere sciupa a lato. Nella ripresa,  al 3' è il rosso Di Luca che sfugge sulla dx da Ranalli, crossa a mezz'altezza, al centro area di prima intenzione Fabrizio Sarchione batte ravvicinato e infila lo 0-2. Ma quando sembrava che il gol sicurezza potesse chiudere la partita, ecco che esce fuori l'orgoglio dei bianchi, sferzati dalle grida di mister Di Felice; al 9' Tumini viene ulteriormente fermato fallosamente (scusa Max, n.d.r.): punizione da limite area, e Pino Finamore pennella con maestria un tiro telefonato imparabile che s'infila sotto l'incrocio sx, ed è 1-2. Al 12' il rosso Celenza propone in area Dzierwa che, in assolo, tira poi alto; ma i bianchi riprendono coraggio e, alla 2° occasione da fermo, pareggiano: su corner da sx, batte Tumini, sul 1°palo Marco Frasca di testa anticipa il marcatore e gira bene a fil di palo dx: 2-2. La difesa dei rossi, che ben aveva arginato l'attacco dei bianchi, sembra vacillare ora: al 16', su punizione, il bianco Finamore ci ritenta mirando l'altro incrocio, stavolta Vecchio compie un miracolo e in tuffo salva in angolo; al 20' è Carlucci che pesca Mazzeo sulla fascia sx, conclusione potente ma imprecisa e la palla è fuori; al 30' Frasca si svincola e serve in area Mazzeo che molla un sinistro potente, ma il portiere Vecchio si supera e in tuffo devia oltre il palo dx; i rossi stringono i denti e, dopo altre due occasioni del bianco Mazzeo, sulla fascia sx (entrambi fuori bersaglio), l'accesa ma leale partita termina sul 2-2: nella lotteria dei rigori, hanno la meglio i rossi (come all'andata),  che con i 2 punti acquisiti, ora affiancano i bianchi in vetta alla classifica.

venerdì 19 lug '13, campo Incoronata, h.21: 
DOLPHINS   AKWA Utd. 3-1 a tavolino (ris. andata 1-5), 
arbitro sig. D'Alanno Donato.

Ci lamentavamo della scarsa presenza dei blu, a meno 31 in classifica presenze (cioè con una media di 10 giocatori contati per ogni partita), ma oggi vogliamo disquisire sull'infantilismo di alcuni giocatori che, come se si stessero giocando ' càse e ppùtèche ', ad un presunto torto arbitrale preferiscono uscire dal campo: ' e 'na vòdde, e ddù...' ma stavolta è la sesta volta, e l'arbitro, pur ritornando indietro su una sua decisione, alla superbia di tali ha giustamente decretato (dopo soli 30') la fine dell'incontro , e si badi bene, manco il gusto di una sudata in compagnia ha frenato le velleità di (alcuni ) gialli. Che dire ? Veniamo alla cronaca dei 30 minuti giocati: al 6' i gialli dell'Akwa (11 su 15) subito pericolosi: lancio di Somma per Serafini, cross da dx per D'Angelo, conclusione fuori di poco: al 10' i blu del Dolphins (11 su 15) rispondono: assist di Lanza per Pesolillo, conclusione di destro, Tasia salva di piede. Dopo 2', su corner, Somma conclude ravvicinato sul 2°palo, Loreta respinge di pugni e Lacanale spazza via; al 15' i gialli vanno in vantaggio: Somma resiste a due rimpalli, serve in area piccola Pietro D'Angelo che spara sul portiere, che di pugno non riesce a deviare e la palla s'infila sotto l'incrocio: 0-1.  Al 20'  il blu Carlucci serve Pesolillo in area, ma Tasia c'è e para agilmente; al 21' punizione dal limite per i blu, batte Lacanale, Tasia para in 2 tempi; al 25' il giallo Serafini viene lanciato in area da Somma, su contrasto con Loreta in uscita la palla gli ribalza su un braccio e segna, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Al 30' l'episodio di cui facevamo menzione all' inizio: fallo della difesa gialla su Pesolillo, punizione da 20m. battuta a sorpresa dal blu Molino, la palla va in rete, ma il portiere giallo Tasia aveva chiesto la distanza e protesta vivacemente, uscendo dal campo di gioco insieme ad altri compagni: l'arbitro, che non l'aveva sentito, dopo aver convalidato, ritorna sulle sue decisioni, ma 'gli ammutinati del Bounty' sono intransigenti e non rientrano: giustamente l'arbitro a questo punto fischia la fine (i gialli erano rimasti in 6) e decreta il 3-0 a tavolino (divenuto 3-1 per rispetto alla serietà e al gol di Hulk).

ha riposato: KADUNA PILLARS

Classifica: 16 pt.: Bayelsa Utd. e Enyimba   13 pt.: Kaduna Pillars    6 pt.: Dolphins    3 pt.: Akwa Utd    
Class.cannonieri: 14 gol: Dzierwa(ENY)  5 gol: Tumini(BAY), Teti(KAD), Pesolillo (DOL)  4 gol: D'Angelo( AKW), Angiolillo(KAD),Baiocco(DOL)   3 gol: Serafini R(AKW), Carlucci P, Di Tullio A(BAY), Cericola(KAD)   2 gol: Di Tullio G, Somma(AKW), Frasca M, Mazzeo(BAY), Serafini A(KAD), Molino(DOL), Di Luca(ENY)  1 gol:  Ronzitti Ni, Vinci(AKW), Di Carmine, Di Felice, Finamore(BAY), Franchella, Storto(KAD), Carlucci M(DOL), Berarducci, Ronzitti S, Sarchione, Sciorilli(ENY), Forgione, Ronzitti Gò(PUTT)

Prossimo turno (10a g.): giovedì 19 luglio, ore 20: Dolphins - Bayelsa Utd.     venerdì 20 luglio, ore 19: Enyimba - Kaduna Pillars( al termine, cena finale presso la sala parrocchiale della chiesa di S. Marco, circ.ne Istoniense)    riposa: Akwa utd.


BAYELSA Utd.
In piedi da sinistra: NOTARANGELO Domenico, DI CARMINE Emidio, DI FOGLIO Luigi, CARLUCCI Pietro, DI FELICE Tiziano, FINAMORE Pino, D'ADAMO F.Paolo, DI MARINO Antonio
accosciati da sinistra: SOLDANO Peppino, RANALLI Fabrizio, TUMINI Massimo, FRASCA Marco, DI TULLIO Adriano, RUZZI Gianfranco  

domenica 21 luglio 2013

La "mia" notte bianca.

Come mio costume ho "anticipato" un evento dedicandomelo in esclusiva. Mi sono fatto comprare da una amica il biglietto d'ingresso e ho "partecipato" al concerto di CS&N. Sensazioni fantastiche che nemmeno i ragazzi imbottiti di "pipì" che scorrazzavano intorno a casa mia ieri notte hanno potuto appannare. 
                       


venerdì 19 luglio 2013

La notte della pernacchia.

L'assessore al turismo (e anche alla cultura) Vincenzo Sputore continua a cercare idee nuove. 
Dopo il consiglio di ieri continuo a fornirgliele. Questa volta una manifestazione di mia "gestazione". "La notte della pernacchia, della boccaccia e dello sberleffo". Non ci sarebbe bisogno di scomodare Eduardo De Filippo o Totò o Alberto Sordi o altri maestri. Sarebbero in tanti, di tutte le età e sesso, a presentarsi in piazza a "spernacchiare" la nostra amministrazione che paradossalmente, come il sindaco sa fare bene, riuscirebbe a utilizzare a proprio vantaggio la manifestazione e vantarsene.
Lo slogan potrebbe essere: "ci hanno spernacchiato ... ma su nostra iniziativa". Sottotitolo "tanto lo facevano lo stesso!".
A Vasto sarebbe un successone e qualcuno direbbe: "non solo nella nostra città". L'importante però è essere i primi ed esportare l'iniziativa. Nessuno potrebbe dire che siamo buoni solo a copiare.
Le prove generali della manifestazione potrebbero tenersi domani durante la notte bianca. Basterebbe che l'amministrazione comunale al completo si presentasse sul balcone del Municipio e attendesse i risultati che, sono sicuro, non mancherebbero. Con l'occasione si potrebbero curare "effetti collaterali" come il lancio di pomodori, uova marce ed altro.

giovedì 18 luglio 2013

Idee "nuove" cercasi?

L'assessore al turismo che dicono sia anche assessore alla cultura propone la notte "argento". Certo, e lo dico da sempre, non ci sono idee nelle "teste" dei nostri amministratori e nemmeno in quelle dei loro collaboratori. Tuttavia basterebbe un giro per il web e trovarne. Se poi volessero proprio organizzare "qualcosa in argento" arriverebbero comunque secondi.

mercoledì 17 luglio 2013

Come non essere daccordo?

Fonte VoxNews (la voce senza padroni)
Giovanni Sartori, noto politologo di fama internazionale, si scaglia nuovamente sul Corriere della Sera contro il ministro congolese Kyenge, che con la scusa dell’integrazione vuole sostituire etnicamente gli italiani con giovani immigrati. Viene definita incompetente e inadeguata rispetto all’incarico che svolge. Duri attacchi anche contro il presidente della Camera Laura Boldrini, la paladina degli immigrati clandestini e dei gay. Colei che partecipa alle sfilate di  omosessuali eccitati che si baciano seminudi in pubblico e che al tempo stesso plaude alla chiusura di innocenti programmi come miss Italia, viene definita da Sartori come una raccomandata. Ecco una parte dell’editoriale:
“Ho già avuto occasione di scrivere che il governo Letta è il più scombinato, in fatto di competenze e di incompetenze, della nostra storia. Nullità che diventano ministri, brave persone messe al posto sbagliato. Eppure Letta è del mestiere, conosce bene il mondo politico nel quale vive. Chi gli ha imposto, allora, una donna (nera, bianca o gialla non fa nessunissima differenza) specializzata in oculistica all’Università di Modena per il delicatissimo dicastero della «integrazione»? Beppe Severgnini sul Corriere di ieri ha stigmatizzato, e bene, le inaccettabili parole del senatore Calderoli, ma lei, Kyenge, si batte per un ius soli (la cittadinanza a tutti coloro che sono nati in Italia) mentre il suo ministero si dovrebbe occupare di «integrazione». E non sa, a quanto pare, che l’integrazione non ha niente a che fare con il luogo di nascita: è una fusione che avviene, o anche non avviene, tra un popolo e un altro. Io ho scritto un libro per spiegare quali siano i requisiti di questa integrazione etico-politica (che non è integrazione di tutto o in tutto). Capisco che un’oculista non deve leggere (semmai deve mettere i suoi pazienti in condizioni di leggere). Ma cosa c’entra l’immigrazione e l’eventuale integrazione con le competenze di un’oculista? Ovviamente niente.
È chiaro che la nostra brava ministra non ha il dovere di leggermi. Per fortuna ho però molti affezionati lettori, uno dei quali (che è un noto accademico), mi scrive così: «Vivo a Torino nel cuore multietnico della città. A due traverse di distanza ci sono i locali dei neri (sub sahariani) e quelli dei magrebini rigorosamente distinti, più uno di romeni, che assolutamente non si mischiano. Alla faccia della integrazione». In Inghilterra, in Francia, e anche nelle democrazie nordiche vi sono figli di immigrati addirittura di seconda generazione (tutti debitamente promossi a «cittadini» da tempo) che non si sentono per niente francesi o inglesi. Anzi. Allora a chi deve la sua immeritata posizione la nostra brava Kyenge Kashetu? Tra i tanti misteriosi misteri della politica italiana questo sarebbe davvero da scoprire.
Un’altra raccomandata a quanto pare anch’essa di ferro (da chi?) è la presidente della Camera Boldrini. In questo caso le credenziali sono davvero irrisorie. Molta sicumera, molto presenzialismo femminista ma scarsa correttezza e anche presenza nel mestiere che dovrebbe fare.

La prossima volta il presidente Napolitano ha già fatto sapere che se il governo Letta cadesse l’incarico di presidente del Consiglio verrebbe di nuovo conferito a lui. Spero che in questa eventualità Letta sia messo in grado di scegliere un buon governo di persone giuste al posto giusto. L’Italia si trova in una situazione economica gravissima con una disoccupazione giovanile senza precedenti. Non si può permettere governi combinati (o meglio scombinati) da misteriose raccomandazioni di misteriosissimi poteri. Siamo forse arrivati alla P3?”
Che fossero espressione dei poteri occulti che vogliono, per interessi economici,  destrutturare e indebolire  la società attraverso immigrazione e demolizione della famiglia tradizionale, è un fatto evidente ma in pochi hanno il coraggio di dirlo. Sartori è uno di questi.

Soddisfazioni

Se un artista presente al Premio Vasto giudica "bene" quello che tu hai fatto, non puoi non sentirti onorato.

martedì 16 luglio 2013

L'estate scorre ma ...

Questa estate scorre noiosa come non mai. Spero sia colpa del tempo "indeciso" spero che il "vento" cambi ma se i presupposti sono quelli che si vedono non credo che ci sia qualcosa di bello da aspettare. Nemmeno più le proteste dei ragazzi ormai rassegnati. Lo sforzo fatto con la proposta delle Frecce Tricolori e la "notte" azzurra ha già esaurito la sua eco e magari qualcuno aspetta la notte bianca poi ....
Il cartellone culturale ridotto al solo Premio Vasto, che è pur essendo una importante manifestazione, da sola non basta. Le manifestazioni "storiche" come al solito ridotte a "riempitivo". La spiaggia sempre più "disordinata". Insomma l'estate vastarola rimane un ricordo.

lunedì 15 luglio 2013

Alcune coordinate precise sul dipinto di Nicola Palizzi che intendiamo esporre e, per quanto possibile, sulla sua storia.

Proviene dalla GALLERIA D’ARTE ENRICO di Milano, fra le più famose d’Italia,  che ha reperito l’opera da una appartamento privato in città.
Il quadro, olio su tela cm.35,9 X 54,9, intitolato “Veduta di Vasto” (scritto sul telaio)  è datato 1853, firmato in basso a destra N. Palizzi 1853.
Il telaio evidenzia anche la traccia di una etichetta strappata, indizio che fa pensare alla partecipazione ad una mostra.
L’opera non presenta difetti, non e’ stato necessario nessun intervento di restauro se non la pulitura.
Non è stato possibile recuperare  la cornice originale quindi il dipinto è montato in una cornice “adatta”.
Il dipinto, sconosciuto ai più, è stato fatto pubblicare dalla Galleria d’arte Enrico sul catalogo OTTOCENTO Vol. 39 dell’editore Metamorfosi ed e’ stato esposto con probabilità solo in occasione di un paio di mostre mercato in nord Italia  (Parma - Il Mercante in Fiera,  Milano - Fiera dell’Antiquariato).
La Galleria “Enrico” tratta soltanto opere scelte, di grande livello e qualità garantendole con certificati fotografici firmati.

Somiglianze

 John Travolta pensava di assomigliarmi.

Scarpasciùdd' 15°

di V.Patriarchi 

L'UOMO PLASMON E IL CIABATTARO


Ottava giornata. Alla 3a di ritorno, l'Enyimba, in svantaggio iniziale, prevale sull'Akwa solo nel finale, mentre il top-match tra verdi e  bianchi (anche loro in svantaggio iniziale) , vede prevalere questi ultimi solo ai rigori dopo il pareggio.

venerdì 12 lug '13, campo Incoronata, h.19:
ENYIMBA   AKWA Utd  (ris. andata 2-1) 
arbitro sig. Franco Ritucci. 

Caldo torrido e ranghi ridotti (alle 19 eravamo veramente 4 gatti), tant'è che si comincia alle 19,30 con i rossi dell'Enyimba (11 su 15) inizialmente in 9 che, masochisti, si fanno male subito al 1° minuto: quel 'ciuccialòne' di Patriarchi (n.d.r. me medesimo), dopo aver conquistato palla su Di Tullio sulla fascia sx, di piatto serve al centro per Sciorilli, ma l'assist è impreciso per lui e al bacio per il giallo Piero Somma, che capta e batte a rete lo 0-1, ringraziandomi e gridando ai suoi ' imbaràteve a passa' la pàlle ! '. Al 22', dopo l'arrivo dei ritardatari Sciorilli e Ronzitti, i rossi cominciano a carburare: Sarchione  fa filtrare sulla sx Darek Dzierwa, che supera il giallo D'Ercole, che però da dietro lo spinge facendogli fare ' nu' scùpp' 'ndèrre': rigore, battuto con successo da Darek, ed è 1-1. I rossi ci prendono gusto e al 26', su assist di Celenza, Darek Dzierwa colpisce ancora con un diagonale secco: 2-1. La partita è combattuta  e i gialli riagguantano con la loro tenacia il pareggio: Vinci scatta sulla fascia sx, effettua un teso corner' corto' dalla linea di fondo, un difensore sul 1°palo rinvia d'istinto, la palla svirgolata s'impenna all'indietro mettendo fuori causa la mischia creatasi in area piccola, ma spunta sul 2° palo l'implacabile piatto destro di Raf Serafini, che infila il pareggio 2-2. Nel 2° tempo i rossi macinano più gioco aumentando il possesso palla, e in 3 occasioni (per Sciorilli, Dzierwa e Di Marco) falliscono il bersaglio; i gialli però puntano sulle ripartenze veloci in contropiede comandate dai polmoni Frasca e Vinci, e in 2 occasioni, si salvano grazie al tempismo del portiere Vecchio, che a discapito del cognome, dimostra di essere a passo con i tempi, effettuando interventi di piede degni dei migliori centrali difensivi su incursioni di Somma e Serafini. Al 24' il rosso Sciorilli caccia il venticinque a coppe e lancia in area Dzierwa, che segna, ma l'arbitro, dopo alcuni secondi, annulla per fuorigioco. Al 29', al termine di una concitata azione d'attacco dei gialli, la palla termina tra i piedi di Serafini che, di prima intenzione, scocca un siluro a mezz'altezza che s'infila a fil di palo sx, ma l'arbitro anche in questo caso annulla per fuorigioco di Ronzitti, che figurava sulla traiettoria davanti al portiere. Inutile raccontare le proteste dei giocatori in entrambi gli episodi (finora la partita era scorsa  piacevolmente), ma l'arbitro giudica secondo le regole e le sue interpretazioni, e comunque giuste o sbagliate che siano,  bisogna accettarle. Al 31' il rosso Valentini conquista palla a centrocampo su Somma, smista per Dzierwa che, da dx crossa al centro rasoterra, il portiere giallo Loreta intercetta ma non blocca, e Dante Di Luca infila in rete sulla respinta corta: 3-2. Al 36' il giallo Frasca viene lanciato verso l'area da Somma, a  tu per tu con Vecchio manda a lato: al 38' il rosso Patriarchi salva in area piccola su Vinci smarcato da Somma e sventa in angolo; e al 41' Sciorilli servito da Ronzitti chiama il quarto liscio con cavallo di bastoni e smarca l'accorrente Darek Dzierwa, che batte Loreta e con la sua tripletta fissa il punteggio finale sul 4-2. Negli spogliatoi, Sergio Ronzitti (in chiave 'Carosello Reloaded') , rispolvera la pubblicità dei biscotti Plasmon 'svestendosi' come lo scalpellino che, nello spot, plasma con martello il capitello dorico di una colonna: il cavaliere dal fisico statuario è stato immolato da Enzino e taggato ' il sirenetto dell'incoronata'.  


venerdì 12 lug '13, campo Incoronata, h.21:
BAYELSA Utd.   KADUNA PILLARS 2-2, d.rig. 7-6, (ris. andata 3-1)
arbitro sig. Orazio Di Blasio.

Match-clou dell'8a giornata, che sembrava  si dovesse giocare a ranghi ridottissimi, ma poi alla fine c'erano quasi tutti: i bianchi del Bayelsa (11 su 15), privi del bomber Tumini, schierano il tridente Soldano-D'Adamo-Di Carmine ed è per loro la prima occasione, quando al 5' Finamore pesca D'Adamo che in progressione penetra in area, ma nel confronto col portiere Ronzitti ha la meglio Lorenzo che  si supera e para. Al 10' i verdi del Kaduna (13 su 15) sbloccano: assist di Cericola  per Luigi Teti, che supera il marcatore e segna con un teso fendente lo 0-1. Al 13' i verdi di nuovo pericolosi con Franchella, che sguscia sulla dx e filtra per Teti che, con la punta, devia ma la palla va fuori di un soffio. Al 25' il bianco Soldano scatta sulla dx e crossa per la deviazione di testa di capitan D'Adamo, alto sopra i legni. I verdi però si affidano alla fantasia dei propri frombolieri, e al 38' il grande Maurizio Cericola dal vertice area dx, pennella come Pinturicchio un interno sinistro che s'infila nel 7 opposto: platea (e mister Meo) in visibilio, eurogol e i verdi raddoppiano 0-2. Nella ripresa si cambia: i bianchi spostano in centrattacco Di Felice e arretrano Di Carmine: al 4' la prima minaccia bianca: Finamore crossa per Soldano, tiro in controbalzo alto. Al 10' penetrazione di Soldano sulla dx, retropassaggio a Marco Frasca che, di prima intenzione, piazza un bolide imprendibile da 27 m., palla sotto l'incrocio, eurogol e 2 - 1. I verdi si rifanno sotto con Franchella, che sblocca Serafini, pallonetto innocente alto sui legni; i bianchi però girano meglio e al 16' pareggiano: Carlucci serve in area Tiziano Di Felice, che da fermo stoppa, gira  a volo  e piazza un diagonale all'angolino dx: eurogol anche questo, e 2- 2. Buon momento per i capolisti, che al 29' vanno in vantaggio: tiro cross da dx di Soldano, il portiere Ronzitti tocca con la punte della dita, la palla lo oltrepassa e, in area piccola, Emidio Di Carmine piazza il piattone vincente del 3-2 e viene portato in trionfo ' gnè la madònn' d' la Pènne' . I Bianchi mantengono bene grazie ad una prova superlativa del centrale Ranalli, ma i verdi reagiscono furiosamente, e il prof Marco Franchella prende in mano la squadra: al 40'  su assist di Angiolillo, piazza un missile terra aria da 18m che fa 'ciùffuluà li rècchie' a Notarangelo, palla fuori di pochissimo, e al 43' su cross da sx di Serafini, s'avventa in area e batte a volo a fil di palo dx, stavolta dentro, e pareggia 3-3. Nel rush finale dei rigori,  dopo 4 rigori battuti, per un malinteso Orazio convalida il finale col vantaggio per i bianchi, ma c'era da batterne ancora uno, e il portiere bianco Grobelar, già quasi sotto la doccia, rientra in porta 'nghi li striscijùne'; alla fine i bianchi sono più precisi e conquistano 2 punti, legittimando il primato precedente.
ha riposato: DOLPHINS

Classifica: 15 pt.: Bayelsa Utd.    14 pt.: Enyimba     13 pt.: Kaduna Pillars      3 pt.: Dolphins e Akwa Utd    

Class.cannonieri: 14 gol: Dzierwa(ENY)  5 gol: Tumini(BAY), Teti(KAD), Pesolillo (DOL)  4 gol: Angiolillo(KAD),Baiocco(DOL)   3 gol: D'Angelo, Serafini R(AKW), Carlucci P, Di Tullio A(BAY), Cericola(KAD)   2 gol: Di Tullio G, Somma(AKW), Mazzeo(BAY), Serafini A(KAD), Molino(DOL)  1 gol:  Ronzitti Ni, Vinci(AKW), Di Carmine, Di Felice, Frasca M(BAY), Franchella, Storto(KAD), Carlucci M(DOL), Berarducci, Di Luca, Ronzitti S, Sciorilli(ENY), Forgione, Ronzitti Gò(PUTT)

Prossimo turno (9a g.): venerdì 19 luglio, ore 19: Bayelsa Utd. - Enyimba      ore 21: Dolphins - Akwa Utd.    riposa: Kaduna Pillars

Post partita: un velo pietoso.



domenica 14 luglio 2013

Lo sapevate che:

Esistevano i Pooh prima dei Pooh?

Nella prima formazione, c'era soltanto il compianto Valerio Negrini.
Agli inizi degli anni Ottanta, ho trovato in un vecchio negozietto di Pescara questa cartolina e, in occasione di una partecipazione a Domenica In, scherzando con gli "attuali" Pooh l'ho tirata fuori. Loro, molto divertiti, me l'hanno firmata e ..... (continua)

sabato 13 luglio 2013

Figli

Ieri i nostri politici, non avendo altro a cui pensare, hanno provveduto ad eliminare gli "aggettivi" intorno alla parola figlio. Chissà se però rimane il termine "figli di puttana". Sicuramente qualcuno dirà che offendere la "madre" non è cosa buona e giusta, sicuramente qualcuno dirà che sono volgare, sicuramente eccetera eccetera. Ma come definireste queste persone che continuano a compiere atti vandalici come quello perpetrato sere addietro nei bagni dell'Arena alle Grazie? "Pezzi di merda"? Pezzi di merda certo! E così pesanti da "sfasciare" i bagni col loro peso. Ma quale "culo" li ha "cacati"?
Più volgare di così non so essere ma c'è sempre tempo per imparare. 
In questo periodo storico in cui i genitori sono "evaporati" chi potrà provvedere a "punire" costoro? La società perdona tutti: "è stata una ragazzata!" Le forze dell'ordine hanno altro a cui pensare. E i genitori troppo presi dalla propria "adolescenza" per essere capaci di dare ai propri figli, senza aggettivi affianco, una giusta educazione.

Interessante

A Vasto c'è qualcuno che organizza cose interessanti ... ma emigra a San Salvo. Ci sarebbe da chiedersi perché.

giovedì 11 luglio 2013

I morti, gli zombie e i cadaveri.

Che i miei concittadini fossero malati di querulomania lo sapevo da tempo e, in tanti modi, ho tentato almeno di alleviare le sofferenze prodotte da questa malattia. Devo però riconoscere pubblicamente la mia sconfitta, poiché questa alterazione maniacale ha portato i vastesi e l’intera città alla morte.
Dalla morte ci potrà “guarire” solo il Padre Eterno e io non mi ritengo tale. Inoltre non vedo intorno a me granché di meglio.
Il pensiero della morte mi ha spinto a riflettere sulle varie forme che una volta colpiti da essa si può divenire e ho scelto tre figure: il morto, lo zombie e il cadavere.
La figura del morto fa pensare o quantomeno sperare che l’anima sia ancora in vita da qualche parte. La figura dello zombie fa pensare almeno ad un corpo che, magari come avviene cinematograficamente per i Vampiri, sia curabile o in qualche modo salvabile, riacquistabile. La figura del cadavere invece non da scampo. Esso è un corpo destinato alla putrefazione, alla ibernazione, alla  mummificazione, comunque irrimediabilmente “morto”.
Sento sempre più spesso dire dai miei concittadini che Vasto è un paese di morti. Qualcuno, specialmente tra i giovani, ha detto che è un paese di zombie. Io dico che chi usa questi termini sbaglia. Vasto è un paese di “cadaveri”.
Puoi proporre, fare, sbatterti in qualsiasi maniera ma il cadavere anche se riposto in una splendida tomba, se rappresentato in una magnifica foto, se visitato amorevolmente a tutte le ore del giorno e della notte, resta sempre un cadavere.
L’anima lo ha abbandonato da tempo e lo stato di avanzato stato di putrefazione non gli permetterà di diventare salma resuscitata. A nulla serve il funerale tragico e lento, il carro preceduto dalle corone portate a mano come quello descritto da Guido Piovene, che ancora nel 1953, nel suo “Viaggio in Italia”, così scriveva:

In quella graziosa città marinara che è Vasto, con una piazza dedicata a Lucio Valerio Pudente, fanciullo tredicenne che fu incoronato poeta, e col palazzo d’Avalos che albergò Vittoria Colonna, il brodetto di pesce è il piatto giornaliero d’obbligo come altrove la pasta; nelle stradine e nelle piazze si spande l’odore del fritto.

Quella Vasto non esiste più. E’ morta.  Non c’è più niente da fare se non aspettare il tempo in cui il Padre Eterno ne deciderà la “resurrezione” ma i cadaveri che la abitano non se ne sono ancora accorti.

mercoledì 10 luglio 2013

Archeologia industriale

 Quasi quasi direi che è Londra ma mi tradisce il lampione.

Folata di vento


Di Giuseppe F. Pollutri


I viaggi della disperazione (e della vergogna)

Non fiori, ma “opere” di bene! Pregare…, certo, ma non come atto sostitutivo del fare. Le parole di Papa Francesco: “Signore, ti chiediamo perdono”! E’ quel che si deve, ha da essere nella coscienza collettiva, ma non basta. Occorre dire piuttosto “basta” alle distrazioni e alle omissioni, delle Nazioni e dei potenti della terra.

Nel mare Mediterraneo, tra le coste africane e quelle italiane, si registra una media di due morti al giorno negli ultimi 25 anni”!
Così - nettamente e tranquillamente - la presentatrice televisiva nel dar notizia del “Viaggio pastorale” o “missionario” di papa Francesco a Lampedusa, principale attracco e ricovero dei migranti, salvati vivi o recuperati in mare morti. Questo è il miserando risultato dei cosiddetti  “Viaggi della speranza” dei migranti dall’Africa e dal Medio Oriente.

Voglio astenermi, per quanto possibile, dal commentare ‘criticamente’ la visita del capo della cristianità all’isola propaggine ultima d’Italia e d’Europa, volta a commiserare la tragedia immane e, per come vanno le cose, senza fine di gente necessitata a lasciare la propria terra ed anche i propri cari, per un futuro umanamente dignitoso o soltanto per la sua sussistenza. Mi basta annotare, per amore della verità e del rispetto che ad essa si deve, che per la salvezza (non solo in mare, e non sarebbe poco) di questi disperati occorre che si faccia qualcosa d’altro e di più. E, seppur soltanto con parole chiare e nette, che questo avvenga piuttosto in altra sede e luogo, come il Parlamento Europeo e nel consesso mondiale dell’ONU.

martedì 9 luglio 2013

Eppure, oppure ....

Anche Goletta "profonda" Verde ha ribadito che l'acqua del mare è inquinata in prossimità degli scarichi eppure ... Quel gusto sadico del trasgressivo fa si che ci sentiamo tutti Masao Yoshida, oppure .... Ma con tutto il mare che c'è, perché sguazzare nel rigagnolo di acqua piovana? Forse perché è dolce? L'avrà assaggiata oppure ...
Eppure io dico che ..... oppure ditemelo voi.

lunedì 8 luglio 2013

Il mio EX partito ha preferito "costui" a me.

E adesso?
L'amico del sindaco Corrado Sabatini era inelegibile già quando "usurpò" la mia carica di Assessore. Il partito "Italia del Valori" (fore alla faccia nostre) in combutta con "Lucignolo" Lapenna lo scelse per sostituirmi e solo ora si accorge di chi avevano in "grembo"? 
A già! Ora non ci sono più "palombe" da curare.
La vergogna continua a scorrere .... e io godo.

http://www.zonalocale.it/2013/07/08/richiesta-di-decadenza-sabatini-si-difende-con-un-documento/5289#

Scarpasciùdd 15°

di V.Patriarchi 

LA PART' DI CICCE LU PUAZZE

settima giornata. Alla 2a di ritorno, il Kaduna riacciuffa in extremis il vantaggio e consolida il 2° posto, e l'Enyimba , che ha la meglio sui Dolphins, segue a ruota: le ultime 2 giornate saranno decisive con gli scontri diretti.


venerdì 5 lug '13, campo Incoronata, h.19:
KADUNA PILLARS    AKWA Utd. 2-1 (ris. andata 2-1)
arbitro sig. Orazio Di Blasio.

I verdi del Kaduna (12 su 15), in campo con l'esordiente Fanucci (un giovane promettente di 66 anni) si  fanno pericolosi al 12', quando Franchella lancia Storto in area che scavalca il portiere, ma il suo pallonetto vola incredibilmente alto sulla porta come la mongolfiera su cui ha recentemente fatto il giro del mondo: evidentemente in nostro caro Luca è ancora 'sballato' dal continuo cambio di fuso orario; al 14' di nuovo i verdi minacciosi con un traversone di Cericola, su cui si avventa in spaccata Angiolillo, palla a fil di palo fuori. I gialli dell'Akwa (13 su 15) però al 32' pungono di contropiede, e forte: il cav.Ronzitti (oggi schierato a terzino destro) lancia in corsa il profeta Nico Ronzitti, che con un preciso lob, scavalca Ronzitti in uscita e segna lo 0-1; in  altro due contropiede dei gialli, al 40' il baffuto 'Freddy Mercury de' noantri' Frasca ' si màgne nu' gol gròss' 'gnè 'na càse', mandando a lato a tu per tu col portiere, e dopo 2', è Nardella che ha l'occasione per pareggiare, ma anche lui , solo in area, manda alto sulla traversa.  Nella ripresa, occasionissima per i gialli al 14', quando Vinci pesca Somma sul filo del offside, Piero scavalca Ronzitti in uscita e accompagna il pallone che rimbalzando sembra entrare, ma prende il palo ed è poi spazzato via da Puddu. Al 19' il verde Storto libera Teti sulla dx, siluro conclusivo, Tasia in tuffo devia in corner; Cericola batte, deviazione repentina di Storto a fil di palo, fuori; al 21' cross da dx del giallo Di Tullio, Somma aggancia, scarta Giacomucci in velocità e conclude violento, Ronzitti devia in angolo. I verdi continuano al 24' con azione personale di Teti, assist in area per Luigi Angiolillo, che in velocità anticipa sul tempo il marcatore e infila di esterno dx in rete l'1-1; al 26', il giallo Vinci da 20m stanga, la palla di controbalzo è deviata fuori da Lorenzo; e quando la partita sembrava avviarsi ai rigori, l'episodio clou: il giallo Frasca pesca D'Ercole sulla fascia sx, conclusione in area, palla che si stampa sulla traversa, torna in campo, e Somma prontamente infila di piatto, ma l'arbitro annulla per fuorigioco: a questo punto, 3 giocatori gialli (tra cui il portiere, non nuovo a queste trovate) ' fànn' la pàrte d' Cìcce lu' puàzze ': escono dal campo per protesta; il portiere verde Lorenzo effettua il rinvio e  Luigi Angiolillo, indisturbato e a porta vuota realizza il 2-1, tutto questo al 90'! Ma pò rèsse...?

venerdì 5 lug '13, campo Incoronata, h.21:
DOLPHINS  ENYIMBA 1-4, (ris. andata 4-5)
arbitro sig. Edhill.
(dai ns.inviati Hulk e Francesca) ...

Ma po' rèsse' che i blu dei Dolphins si presentino in 9 su 15? Con due rincalzi (Putt) Isoardi e Raspa, incominciano comunque in 11, contro i rossi dell'Enyimba (11 su 15) che, al 5' aprono con il valzer delle occasioni sprecate: assist di Rossi sulla fascia dx per Sciorilli, conclusione fuori di un soffio; al 6' il blu Carlucci dialoga in area per Pesolillo, tiro impreciso fuori di 1 m; al 10' ci prova da fuori area il rosso Rossi con una parabola (sic!), Fabbri para; continua il tiro a segno Dzierwa, al 15', la palla va a lato; al 17' scambio Sciorilli - Dzierwa, conclusione alta sulla traversa; al 19' Darek, in progressione 'fa jì spisiliànne pi d'àrie' il marcatore blu Raspa, che ha la peggio e, dopo 10' abbandona il campo: al 25' il rosso Sarchione pesca Sciorilli che, a volo, manda un filo alto sulla traversa; ma al 30' , dopo un'occasione fallita di Bozzelli, il blu Molino, da dx, smista in area per Franz Pesolillo, che semina Patriarchi e Orticelli e mette a segno l'1-0 con un bel fendente diagonale al fil di palo sx. Al 33', su cross di Sciorilli, Rossi di testa sbaglia mira e manda alto; rispondono i blu con Lacanale, assist per Pesolillo, tiro finale a lato sulla sx. Al 40' tiro cross da dx del rosso Ronzitti, che si stampa sulla traversa e torna innocua in campo facile preda della difesa blu. Al 42', dopo l'ennesima occasione sciupata per Sciorilli (che, dopo l'aspetto cereo alla Dracula di inizio torneo, sfoggia oggi un incarnato scuro  che manco un magrebino ...) l'arbitro annulla un gol a Rossi per fuorigioco. Nella ripresa, il suk: i blu (con Raspa e Ciccotosto usciti) ' acquistano per 2 cammelli il portiere Ronzitti e Pietro Hulk e promuovono a terzini il portiere Seccia e il sost.Fabbri: e comunque mantengono in 11 (dopo 45') il vantaggio ; al 3' il rosso Valentini crossa per Dzierwa, deviazione di testa e para Ronzitti; al 15' su tiro teso angolato di Molino da 20 metri, il portiere rosso Loreta in tuffo devia in angolo sulla sx; al 16' i rossi pareggiano: assist di Ronzitti per Darek Dzierwa, che si defila sulla dx e con un fendente insacca nell'angolo opposto: 1-1. Dopo un'altra occasione per Ronzitti, i blu ci provano con un tiro teso di capitan Carlucci che, al 22' coglie il palo; al 23' però la barca dei blu perde due remi come Molino e Lacanale, entrambi contratti, e, nell'arco di 7', lo 'squalo d'acqua dolce' Darek Dzierwa apre le fauci e azzanna i superstiti difensori(?)blu per tre volte, portando il punteggio sull'1-4, dopodichè l'arbitro Edhill fischia con qualche minuto d'anticipo la fine.

Ha riposato: Bayelsa Utd.

Classifica: 13pt.: Bayelsa Utd.    12pt.: Kaduna Pillars     11pt. Enyimba     3pt.: Dolphins e Akwa Utd  

Class.cannonieri: 11 gol: Dzierwa(ENY)  5 gol: Tumini(BAY), Angiolillo (KAD), Pesolillo (DOL)  4 gol: Baiocco(DOL)   3 gol: D'Angelo(AKW), Carlucci P, Di Tullio A(BAY),Teti(KAD)  2 gol: Di Tullio G, Serafini R(AKW), Mazzeo(BAY), Cericola, Serafini A(KAD), Molino(DOL)  1 gol:  Ronzitti Ni, Somma, Vinci(AKW), Storto(KAD), Carlucci M(DOL), Berarducci, Ronzitti S, Sciorilli(ENY), Forgione, Ronzitti Gò(PUTT)

Prossimo turno (8a g.): venerdì 12 luglio, ore 19: Enyimba - Akwa Utd.     ore 21: Bayelsa Utd. - Kaduna Pillars    riposa: Dolphins

sabato 6 luglio 2013

Questo sito nuoce

a taluni dell'amministrazione comunale di Vasto.

Bravo Francescopaolo ....

 ... ma non mi faccio i complimenti da solo. Li faccio a Francescopaolo Sorgente, autore e regista di "Quàsse é!"
Ieri sera sono andato all'Arena alle Grazie per vedere lo spettacolo dialettale de "La Cungarelle". Non vado mai volentieri a vedere spettacoli in dialetto vastese, perché, oltre al non sopportare il pubblico che ride a sproposito ad ogni parola, mi fa male sentire "storpiare" quello che rimane della lingua della nostra città.  Aggiungo (tanto per farmi altri nemici) che dopo Anelli e Ferrara, pochi sono stati coloro che hanno aggiunto qualche novità al "nostro" repertorio dialettale.
Ieri sera invece sono rimasto piacevolmente colpito da due cose. Il regista è stato bravo a far interpretare i personaggi ad "attori" ben calati nel lessico oltre che nella parte. Intendo dire che non è stata imposta una parlata "sguaiata" a chi questa non usa. La seconda cosa è stata l'impostazione "moderna" della commedia. Penso di poter dire che sembrava di assistere ad uno spettacolo in cui i protagonisti fungevano da presentatori di sketch. Ad ogni apertura della porta (chi ha visto o vedrà lo spettacolo sa o saprà di cosa parlo) entravano personaggi che interpretavano una scenetta. Se mi è consentito fare un accostamento una sorta di "Zelig" vastarolo (lasciatemelo dire).
Non voglio dilungarmi oltre. Mi sono serenamente divertito e, pur dovendo, come mio costume, cercare il pelo nell'uovo distinguendo tra alcuni "attori" più bravi di altri, faccio un applauso grande a tutti.



Padri e figli.

Metti che un giorno tua figlia ti chieda: "mi compri la Lamborghini?" 
Che fai? 
Ci provi e, compatibilmente con le tue possibilità, l'accontenti. Certo i cerchi delle ruote non sono proprio gli stessi ma ...

Io sono un padre fortunato. Le mie figlie sono intelligenti e "spiritose".

venerdì 5 luglio 2013

Meno male che c'è la fantasia.

Il signor Egidio Battista, abitante nel quartiere Sant'Anna di Vasto, quando si annoia e non ha la possibilità di trattenersi con i suoi amici pensionati in piazza o ai giardinetti pubblici, realizza opere di design. L'ultima sua creazione è la Lampamoca.
Io penso che dovrebbe mandare il brevetto alla Bialetti. La nota ditta dell'omino coi baffi infatti, dopo l'avvento delle caffettiere elettriche, ha subito una drastica diminuzione delle vendite della nota caffettiera. Perchè non proporre quindi anche la Mocalampa ? (o anche Lampamoca o Caffedina oppure  Lucettiera o .... scegliete voi un nome)


giovedì 4 luglio 2013

EDWARD SNOWDEN

E si! deve essere proprio lui, il buon Edward, che mi segnala ogni passo di questa amministrazione comunale. E' di qualche giorno addietro il mio "invito" a non far sostare gli autobus nella corsia adiacente il parcheggio multipiano di "Corso Garibaldi" e oggi hanno spostato le pensiline e le relative fermate qualche metro più a valle. 
Adesso cari concittadini non voglio pensare che ogni cosa che scrivo sia un "ordine" o un suggerimento per i nostri amministratori. Non vorrei neanche che qualcuno pensasse che, in tempi di intercettazioni e spie, io abbia, all'interno degli uffici comunali, una talpa che mi indichi le operazioni in corso tanto da farmi intervenire con tempismo.
Forse sono un veggente? Forse sono un Mago? Certo non il Mago Amleto (Otelma). Sicuramente un cittadino con elevato senso civico.

Promemoria:

mercoledì 3 luglio 2013

Il nuovo personaggio dell'estate vastese.

Con la sua immancabile bici e con i suoi vari copricapo, spopola a Vasto ad ogni ora del giorno e della notte. Se lo incontrate chiedetegli come si chiama.